Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Infanzia e pre-adolescenza: politiche territoriali,società civile e associazionismo di settore

Associazionismo di settore, indagine conoscitiva e impirica. Condizione infanzia e pre-adolescenza, piani nazionali, convenzione onu, rapporti nazionali sulla condizione dell'infanzia e dell'adolescenza, politiche territoriali.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Come bisogna affrontare e sostenere le nuove generazioni nella loro crescita se ne parla di continuo in ogni ambito sociale: nella famiglia, nella scuola, tra gli addetti ai lavori, tra gli studiosi, sui giornali, e se ne parla palesando una sensazione di inefficacia e di impotenza, come se oggi la nostra società non fosse più capace di sostenere ed educare coloro che in futuro necessariamente la porteranno avanti. Sentendo parlare gli adulti di condizione adolescenziale e giovanile piuttosto di frequente trapela una visione abbastanza pessimistica della nuova generazione. I pre-adolescenti vengono spesso descritti come individui carenti sotto il profilo valoriale, indifferenti verso tutto ciò che gli circonda, insomma ‘disagiati’. L’adolescenza e la pre- adolescenza sono un periodo di crescita, di trasformazione della propria identità ed è in questo passaggio che la figura dell’adulto che ascolta, che sostiene, che accompagna verso l’autonomia e che fa emergere le potenzialità, è fondamentale. Non è semplice analizzare la pre-adolescenza da un punto di vista generale nel rapporto con la società. C’è una difficolt{ che è dovuta proprio al fatto che essa nella sua normalit{ spesso sembra come un’et{ dimenticata, ce ne ricordiamo soltanto quando i pre- adolescenti creano problemi e questo stereotipo del senso comune si riflette anche nelle scienze sociali. La complessità e il cambiamento, che oggi sembrano i paradigmi più opportuni per descrivere sia la società che il percorso di crescita delle nuove generazioni, se da un lato possono portare a situazioni diffuse di disagio sociale ed esistenziale, dall’altro possono essere viste come risorse per il miglioramento della società e degli adolescenti. La società di oggi non presenta per fortuna, soltanto elementi di rischio per il processo di formazione della personalità, ma presenta anche molti elementi estremamente positivi per quanto si faccia spesso fatica a metterli in luce. Tra questi possiamo ricordare le maggiori opportunità formative, la riduzione dell’autoritarismo familiare e sociale che permette una maggiore spontaneità e una diminuzione dei pregiudizi, i maggiori stimoli e le più diffuse occasioni di partecipazione alla vita sociale e a forme organizzate di solidarietà e di reciprocità costruttiva. Esaminare il mondo pre-adolescenziale vuol dire innanzitutto cercare di cogliere le sue manifestazioni evidenti correlate a profondi cambiamenti a vari livelli. Il presente elaborato, coerentemente con tali caratteristiche parte con la premessa della considerazione dell’adolescenza come un periodo in cui i ragazzi sono chiamati ad affrontare il proprio sviluppo fisico, intellettuale e sociale, con l’esigenza di acquisire gli strumenti necessari per entrare a pieno titolo nella vita adulta.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Erika Palombo Contatta »

Composta da 205 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 724 click dal 12/04/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.