Skip to content

Promozione e scelte di investimento nel settore delle energie rinnovabili. Un'analisi comparativa

Informazioni tesi

  Autore: Roberto Piovano
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia
  Relatore: Sergio Giaccaria
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 113

Il settore delle rinnovabili ha assunto un ruolo importante negli ultimi anni in termini di Consumo Interno Lordo di energia elettrica, rappresentando al 2009 il 20% della produzione totale di energia.
Viene fatta un'analisi degli incentivi legate al settore delle rinnovabili e la loro diffusione. Oltre alla distribuzione regionale in termini percentuali, ho effettuato nel secondo Capitolo, un’analisi di autocorrelazione spaziale per capire se si nota una casualità nei dati delle aree vicine, o se si riscontra una certa dipendenza.
Nell’ultimo Capitolo, ho effettuato un’analisi di tipo qualitativo e quantitativo di un questionario.
Il campione del questionario è costituito da imprese Piemontesi e del Trentino Alto Adige, operanti nel settore delle rinnovabili e produttive in tre ambiti: quello delle biomasse, del biogas e idroelettrico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Dal punto di vista storico, la produzione di energia tramite fonti rinnovabili ha assunto un ruolo fondamentale in Italia, soprattutto nel settore idroelettrico. La fonte idroelettrica è stata particolarmente importante per lo sviluppo economico e dell’autosufficienza energetica nel dopoguerra, grazie alla grande disponibilità del bacino idroelettrico rappresentato dalle Alpi. Dagli anni ’70 i consumi di energia elettrica aumentarono sensibilmente, soprattutto in ambito industriale e la produzione idroelettrica incominciò ad essere insufficiente, determinando così una maggiore dipendenza da fonti non rinnovabili come il petrolio ed il metano. Vengono definite come fonti rinnovabili dal D.Lgs n 387 del 2003 le seguenti fonti: eolica, solare, geotermica, del moto ondoso, maremotrice, idraulica, delle biomasse, gas di discarica, gas residuati dai processi di depurazione e biogas. Nel 2009, la produzione di energia elettrica prodotta dal settore delle rinnovabili copre il 20% del Consumo Interno Lordo, definito come la sommatoria delle produzioni rinnovabili e non rinnovabili, considerando il saldo import – export. Il saldo Italiano è fortemente in negativo, infatti, siamo definiti come importatori netti di energia elettrica ed anche le materie prime per produrre energia da fonti non rinnovabili dipendono quasi esclusivamente da Paesi come la Russia per il metano e dalla Libia o dagli Emirati Arabi per il petrolio. Dagli anni ’90 si cerca di espandere nuovamente il settore delle rinnovabili, tramite incentivi e agevolazioni fiscali in ambito comunitario e nazionale. L’espansione negli ultimi anni, della produzione di energia elettrica proveniente da fonti rinnovabili è avvenuta grazie alla liberalizzazione in Italia e nell’Unione Europea dei mercati energetici. In Italia la liberalizzazione del settore elettrico è avvenuta nel 1999, con il D.Lgs n. 79 del 16 marzo 1999, decreto legislativo attuativo della Direttiva Comunitaria 96/92/CE. La Direttiva Comunitaria 96/92/CE ha introdotto norme comuni per il mercato europeo dell’energia elettrica, finalizzate a realizzare una graduale liberalizzazione della domanda e creare condizioni favorevoli per lo sviluppo della concorrenza nella generazione e nella vendita di energia elettrica (Goldoni, 1999). In molti Paesi Europei la liberalizzazione era già avvenuta da diversi anni, soprattutto in Gran Bretagna e nei paesi Scandinavi. Le caratteristiche della liberalizzazione del settore possono essere così riassunte: • Liberalizzazione delle attività di produzione, importazione, esportazione, acquisto e vendita di energia elettrica, a partire dal 1/04/99. • Riserva allo Stato delle attività di trasmissione e dispacciamento. • Regolamentazione delle attività di distribuzione dell’energia elettrica affidata in concessione all’ex monopolista pubblico Terna Spa. Dal punto di vista dei consumatori finali la liberalizzazione del settore è avvenuta nel 2007, da quel momento anche le utenze finali (famiglie e imprese) possono scegliere tra piø operatori. Il settore elettrico e quello del gas sono fortemente legati, in quanto il metano rappresenta la materia prima di molte centrali elettriche a produzione non rinnovabile, rappresentando nel 2009, il 44,2% del Consumo Interno Lordo di energia elettrica. Il D.Lgs n. 79 del 16 marzo 1999 ha introdotto altre importanti misure per agevolare l’espansione delle fonti rinnovabili, introducendo forme di incentivi come i Certificati Verdi e forme restrittive per i produttori di energia elettrica tramite fonti non rinnovabili (quote obbligatorie). Con le quote obbligatorie i produttori di energia elettrica tramite fonti non rinnovabili, soprattutto petrolio, metano e carbone, devono garantire una certa produzione di energia rinnovabile (quota che viene aggiornata di anno in anno e nel 2011 è del 6,8%).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi