Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I patti territoriali

Introduzione panoramica accordi di programmazione negoziata di cui alla legge n. 662 del 1996 e ruolo nelle politiche per il mezzogiorno.
Al fine di individuare la natura giuridica dei patti territoriali:
a) studio accordi amministrativi di cui agli art. 11 e 15 della l n. 241 del 1990: analisi normativa, di tutte le tesi sulla natura giuridica (privatistiva, pubblicistica, contratto di diritto pubblico ecc..), argomenti a favore tesi pubblicistica
b) studio iter di formazione di tutti gli accordi di programmazione negoziata,non solo dei patti, con dettagliata esposizione delle tesi sulla natura giuridica
c) conseguente inquadramento dei patti nell'ambito degli accordi sostitutivi grazie anche alla copiosa giurisprudenza.
Inoltre: focus sul passaggio dall'intervento straordinario a quello ordinario, rilettura dell'esperienza dei patti sia sotto l'aspetto politico che economico grazie a dati della Banca d'Italia, caso: il patto Sele Tanagro, prospettive per il Sud

Mostra/Nascondi contenuto.
4 CAPITOLO I GLI STRUMENTI DELLA CONCERTAZIONE. IL RUOLO NELLE POLITICHE PER IL MEZZOGIORNO SEZIONE I: INTRODUZIONE AGLI ACCORDI DI PROGRAMMAZIONE NEGOZIATA 1. Premessa La situazione di crisi economica ed il complesso quadro politico degli anni 90‟, con il fallimento del sistema delle imprese pubbliche e la scarsa efficacia delle politiche d‟intervento nel Mezzogiorno, hanno spinto il legislatore a revisionare l‟azione della pubblica amministrazione nella soddisfazione dell‟interesse pubblico allo sviluppo economico 1 . Principio cardine dell‟evoluzione compiuta, è stato quello della centralità del sistema locale nella promozione e nella tutela del proprio territorio quale fautore di una strategia di sviluppo dal basso, concertata con gli attori locali. Ciò ha significato sia l‟abbandono della concezione „assistita‟ 2 dell‟intervento pubblico (propria di quell‟assetto centralistico dell‟organizzazione statale che per lungo tempo ha caratterizzato il sistema dei trasferimenti agli enti locali) sia la fine della straordinarietà dell‟intervento pubblico nel mezzogiorno e dei metodi politici che ne sono conseguiti. Evoluzione che, in tanto è stata possibile in quanto, nel cosiddetto “decennio 1 Cfr. F. SCALIA, 1996-2006. Dieci anni di programmazione negoziata, in La fin. loc., 2007, n. 4, 56-63. 2 Cfr. F.M. CERVELLI e G.M. ESPOSITO, Politiche pubbliche e sviluppo economico di regioni ed enti locali nel quadro dell‟unione europea, Napoli, 2002, 70.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Margherita Conte Contatta »

Composta da 141 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1056 click dal 21/04/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.