Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Shiva, Dioniso d'Oriente

Nel quadro di un confronto generale fra India e Grecia antiche, sorprendono le somiglianze fra le figure divine di Šiva e Dioniso. Esse possono essere spiegate in quattro modi:
1. Dioniso deriva da Šiva
2. Šiva deriva da Dioniso
3. entrambi derivano da una medesima figura divina precedente
4. hanno avuto sviluppi simili ma indipendenti
I dati storici consentono di scartare le prime due ipotesi, mentre quelli linguistici e genetici rendono meno probabile la terza. La quarta ipotesi resta la più attendibile: le due divinità sono in origine divini paredri preindoeuropei assimilati da una cultura indoeuropea (quella indiana o quella greca antiche).

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Nel quadro di un confronto fra divinità indiane e divinità greche si possono trovare alcune figure divine che presentano una somiglianza singolare. In particolare, Šiva e Dioniso sono forse il caso più clamoroso, tanto che in passato è stata avanzata l’ipotesi di una loro origine comune, ad esempio da Alain Daniélou 1 . Le somiglianze non si limitano al loro carattere esteriore di divinità caotiche, ma abbracciano anche gli epiteti, gli attributi e alcuni miti che li vedono protagonisti. È possibile spiegare queste somiglianze principalmente con quattro ipotesi: 1. Dioniso deriva da Šiva 2. Šiva deriva da Dioniso 3. entrambi derivano da una medesima figura divina precedente 4. le loro somiglianze sono dovute a sviluppi simili ma indipendenti Per giungere all’ipotesi più verosimile, prenderemo in considerazione dati storici, mitologici, linguistici e genetici. Ci occuperemo delle origini di queste due divinità, e non dei loro sviluppi, pertanto concentreremo la nostra attenzione sui dati più antichi. Gli sviluppi più recenti del dionisismo e dello ðivaismo non interessano la nostra ricerca, se non nella misura in cui siano in grado di fornire elementi risalenti ad epoche anteriori. Ad esempio, le Dionisiache di Nonno di Panopoli, un’opera poetica composta nel V secolo d.C., contengono molti elementi mitologici di notevole antichità che possono gettare luce come fonte indiretta sul culto di Dioniso in epoche anteriori. Un discorso simile può essere fatto per gli sviluppi dello 1 Alain Daniélou, Śiva e Dioniso, Ubaldini, Roma, 1980, passim

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Francesco Bravin Contatta »

Composta da 55 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1629 click dal 15/04/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.