Skip to content

La malattia cronica mortale nell'infanzia e nell'adolscenza: bisogni educativi e progettualità pedagogica in ospedale. Uno studio sul campo: il mio tirocinio formativo.

Informazioni tesi

  Autore: Lucia Miucci
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Foggia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della formazione continua
  Relatore: Antonia Chiara Scardicchio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 79

Presentazione
Ho scelto di trattare nella mia tesi il tema riguardante i bisogni educativi di bambini e adolescenti affetti da malattia cronica mortale e di prospettare una progettualità pedagogica in tale contesto perché in seguito all’esperienza di tirocinio formativo effettuata presso una pediatria oncologica, ho avvertito l’esigenza di illustrare ed evidenziare la bellezza e la complessità di questa realtà con l’obbiettivo di incrementare la sensibilizzazione delle istituzioni e di trasmettere almeno una piccola parte del grande bagaglio di umanità che ho guadagnato dal mio lavoro di tirocinante.
Nel mio lavoro di tesi ho voluto approfondire l’importanza dell’intervento pedagogico nel complesso contesto dell’ospedale ed, in particolare, della pediatria oncologica.
Nel primo capitolo, intitolato Bambini in ospedale, illustro le difficoltà e i traumi che potrebbero sorgere nel bambino quando viene a trovarsi davanti alla realtà del ricovero ospedaliero. L’ospedale rappresenta per il bambino un luogo sconosciuto e che di conseguenza può incutere timore, inoltre i volti estranei di dottori e infermieri, come anche il dolore indotto dalle procedure mediche, potrebbero trasformare l’esperienza ospedaliera in un vero e proprio trauma, laddove non ci fosse un adeguato sostegno educativo e per i bambini e per le loro famiglie.
Un grande passo avanti è stato fatto con l’introduzione della scuola in ospedale, fondamentale perché non solo è per il bambino mediazione e continuità con il mondo esterno, ma è soprattutto luogo di confronto e socializzazione, di sviluppo di abilità e competenze necessarie a favorire una crescita positiva.
Per attualizzare il diritto del bambino ad essere affiancato da un personale qualificato, risulta necessaria la formazione continua dell’equipe medica, degli insegnanti e degli educatori e l’ integrazione del lavoro delle varie figure professionali coinvolte, realizzando così quel sistema formativo integrato che rappresenta la condizione determinante per permettere alla utopia pedagogica di diventare realtà.
A tale proposito un ruolo importante è rivestito dalla figura dell’educatore che anche se non è ancora obbligatoria è comunque presente negli ospedali, anche se spesso solo come volontariato.
Per assolvere al suo compito, l’educatore deve possedere molteplici competenze e conoscenze e svolgere una moltitudine di funzioni basilari quali l’accoglienza del bambino e della famiglia, la conoscenza del loro contesto sociale e culturale, la conoscenza della condizione di malattia del bambino, la mediazione tra i dottori, la famiglia e il bambino.
Nel secondo capitolo, intitolato La malattia cronica e mortale nell’infanzia e nell’adolescenza, illustro alcuni studi che riguardano il vissuto di malattia, in questo caso cronica, nei bambini e negli adolescenti. Una malattia come il cancro minaccia l’integrità fisica e psichica di bambini e adolescenti, poiché incute dolore, limita la libertà motoria, sconvolge il corpo con le terapie, porta all’isolamento nelle sale sterili e nei casi gravi conduce alla morte.
Tutti questi fattori,se sconvolgono notevolmente la vita del bambino causando a volte una totale perdita di identità, sconvolgono ancora di più la vita di un adolescente che si trova ad affrontare un duplice cambiamento, quello indotto dall’adolescenza e quello indotto dalla malattia.
I due elementi che più sconvolgono notevolmente non solo la vita del malato ma anche di tutti coloro che gli sono accanto, sono: il dolore e la morte.
Il dolore davanti ad una malattia cronica è quasi inevitabile e ad aggravarne l’intensità sono anche le pesanti terapie da effettuare. Il dolore viene elaborato in maniera diversa da ogni bambino e ragazzo, ci sono alcuni che si esprimono con il pianto e altri che assumono un atteggiamento passivo perché incapaci di elaborarlo o di esprimere a parole la sofferenza o ancora perché pensano che gli altri non possono capire.
Per quanto riguarda l’esperienza di morte, non deve essere vista come un evento unico e diretto, ma come un susseguirsi di stadi perché prima che fisicamente, la morte arriva per il bambino e la sua famiglia psicologicamente.
Nel terzo capitolo intitolato Uno studio sul campo: il mio tirocinio formativo, illustro appunto la mia esperienza di operatrice sociale tirocinante presso la scuola ospedaliera Casa Sollievo Della Sofferenza nel reparto di pediatria oncologica del Poliambulatorio Giovanni Paolo II a San Giovanni Rotondo. Le strategie di intervento formativo che ho preso in considerazione sono state: la narrazione di storie di vita con gli adolescenti e la valenza educativa del disegno e della fiaba.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Il concetto di salute negli ultimi tempi è stato riconsiderato e accompagnato in una notevole evoluzione che ha visto il passaggio da salute intesa solo come assenza di malattia a salute intesa come benessere completo e globale della persona. Di conseguenza la cura non è più intesa come sola terapia volta a eliminare le patologie che il corpo di un individuo può presentare ma come un’assistenza globale che riguarda anche la sfera emotiva, psichica e sociale della persona 1 . “Una nuova cultura del care fa riferimento all’insieme di pratiche sociali…volte alla cura del corpo e della psiche, del singolo e della collettività, dell’ambiente di vita fisico e sociale” 2 . Questo nuovo concetto di salute e del “prendersi cura” implica un intervento che prevede l’integrazione di diversi saperi, diversi ambiti disciplinari e diverse figure professionali. Per promuovere un benessere totale è infatti necessario un saldo collegamento tra scuole, famiglie, centri educativi e sociali, ospedali. La pedagogia interviene a tale proposito, in maniera considerevole per assolvere a tale compito, ciò che infatti si prospetta di fare è: garantire un sistema formativo integrato che vede integrato il lavoro delle diverse istituzioni e delle diverse figure professionali, condizione importante per raggiungere la sua finalità principale e cioè la promozione nelle persone di benessere, autonomia e identità 3 . Nel mio lavoro di tesi ho voluto dunque approfondire l’importanza dell’intervento pedagogico in un contesto particolare e 1 I. Loiodice, Infanzia, salute, progetto pedagogico, in Isabella Loiodice ( a cura di ), Bambini in ospedale tra cura e formazione, Mario Adda Editore, Bari 2002, p.7. 2 Ivi, p.10. 3 Ivi, p.11.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

adolescenza e malattia
bambini in ospedale
bisogni educativi in ospedale
educatore in ospedale
educatore in pediatria
il cancro
il dolore e la morte
il ricovero
infanzia e malattia
le fiabe e il disegno
malattia cronica
malattia mortale
malattia terminale in adolescenza
narrazione autobiografica
oncologia pediatrica
pedagogia in ospedale
progettualità pedagogica in pediatria
studio sul campo
tirocinio formativo
tirocinio in ospedale
tirocinio in pediatria

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi