Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fattori istituzionali e crescita economica

Nel nostro lavoro, ci siamo interessati allo studio della relazione tra fattori istituzionali (diritti politici, libertà civili, libertà economica) e la crescita economica. A tal fine, abbiamo optato per tre modelli econometrici: dati di panel statico, dati di panel dinamico e un modello VAR. I campioni studiati riguardano paesi sviluppati e paesi in via di sviluppo (37 paesi, di cui 20 sviluppati e 17 in via di sviluppo).

Mostra/Nascondi contenuto.
Fattori istituzionali e crescita economica - 1 - Introduzione generale La constatazione più importante che gli economisti hanno potuto trarre dall’esame delle varie esperienze di crescita e di sviluppo vissute dai paesi nel mondo è, certamente, la notevole differenza di reddito pro capite, malgrado punti di partenza prossimi all’alba della rivoluzione industriale. Sulla base di tale diffusione delle performance economiche tra i paesi, constatata negli ultimi anni, alcune anticipazioni considerano che lo scarto assoluto tra il reddito reale medio pro capite tra i paesi più ricchi e quello dei paesi più poveri raddoppierà entro il 2030 1 , e che nel 2120 il reddito reale medio dei paesi più ricchi passerà ad un livello 340 volte superiore a quello dei paesi più poveri 2 . L’insieme di tali constatazioni e di tali previsioni ha incitato gli economisti a fornire ulteriori ricerche al fine di spiegare tale disparità, tra i paesi e le regioni del mondo, in termini di performance economica. Una delle questioni centrali dell’economia dello sviluppo è quella di comprendere perché il mondo è diviso tra paesi sviluppati e paesi in via di sviluppo. Si sono succedute varie spiegazioni fin dalla Seconda Guerra Mondiale. Negli anni ’50 e ’60, infatti, le strategie erano orientate alla 1 Banca Mondiale, 2004. 2 PRITCHETT, 1997.

Traduzione

Facoltà: Faculté des sciences économiques et de gestion de Tunis

Traduttore: Marco Casella Contatta »

Composta da 316 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1722 click dal 20/04/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.