Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La responsabilià delle multinazionali per violazioni dei diritti umani

All’inizio del lavoro ci si è proposti di tracciare un quadro giuridico ben articolato della tematica concernente la responsabilità civile delle imprese multinazionali.
Per poter inquadrare il senso del lavoro si è reso necessario prendere in considerazione seppur brevemente due aspetti del fenomeno della mondializzazione dell’economia ossia l’espansione delle attività dei grandi gruppi economici a livello globale ed il conseguente sorgere di problemi ed interessi della comunità internazionale circa le attività transnazionali di tali imprese. Dall’analisi effettuata è emerso che, sebbene le imprese siano sempre più spesso coinvolte in gravi abusi, godono tuttora di una sostanziale impunità. Il diritto internazionale classico, infatti, indirizzandosi formalmente ai rapporti tra stati, non offre una sufficiente base giuridica per riconoscere una responsabilità diretta in capo alle imprese; le risposte legislative dei singoli stati in particolare dei paesi in via di sviluppo, destinatari dell’investimento, si sono rilevate inefficaci a controllare il comportamento delle imprese e la maggioranza degli stati di origine, pur disponendo delle competenze tecniche e di un sistema giudiziario adatto a giudicare eventuali violazioni, si sono dimostrati, per una serie di ragioni esaminate, riluttanti a dar vita ad un quadro giuridico di regolamentazione della giurisdizione extraterritoriale. Ciononostante, ad oggi, è proprio l’esercizio dell’home country control a produrre i risultati più significativi nella repressione delle attività illecite delle imprese multinazionali.Nell’intento di dare effettiva attuazione alle responsabilità che incombono sulle imprese in materia di diritti umani si è, infatti, progressivamente consolidata, prevalentemente nei sistemi di common law, una pratica speciale consistente nella promozione di azioni giudiziarie di fronte a corti nazionali, sull’impianto classico della responsabilità civile per fatto illecito. L’attenzione è stata rivolta, in particolare, ai procedimenti giudiziari instauratisi negli Stati Uniti che senza dubbio rappresentano quelli più degni di nota tra tutte le cause promosse contro le compagnie transnazionali. Le ragioni di tale interesse sono state individuate soprattutto nell’esistenza di un atto normativo assente nelle altre giurisdizioni di common law. Ci si riferisce all’ATCA, che, adottato dal congresso statunitense nel lontano 1789, riconosce la competenza giurisdizionale dei tribunali statunitensi su attività illecite poste in essere dalle multinazionali al di fuori del territorio nazionale.
Le potenzialità astrattamente riconducibili al suo esercizio,tuttavia in molti casi non sono state concretamente realizzate. La dottrina anglosassone del forum non conveniens, le dottrine statunitensi dell’Act of State e della Political question,e la complessa struttura delle imprese, che difficilmente consente di imputare l’illecito alla società madre, costituiscono infatti potenti strumenti nelle mani delle imprese per evadere in modo alquanto agevole l’applicazione extraterritoriale della giurisdizione del paese di origine.Nell’ultima parte della trattazione l’attenzione si è concentrata sulle prospettive offerte dalla normativa comunitaria (Convenzione di Bruxelles) al fine di rafforzare la responsabilità delle imprese e sull’unica azione giudiziaria intentata in un paese di civil law contro una multinazionale per violazione dei diritti umani compiute all’estero: si tratta del caso Oruma v. Shell attualmente in attesa di una pronuncia definitiva.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE IL CONTROLLO DELLE ATTIVITA’ DELLE IMPRESE MULTINAZIONALI TRA DIRITTO INTERNO E DIRITTO INTERNAZIONALE 1. La globalizzazione dei mercati e la nascita delle imprese multinazionali (o transnazionali) Negli ultimi decenni lo scenario del mercato globale è andato via via trasformandosi sotto l‟incalzare di una molteplicità di forze, alcune già in atto da tempo e altre di più recente origine. Tali forze sono costituite dalla crescente omogeneizzazione dei processi di consumo, dal ruolo integratore svolto dalla tecnologia, dal venir meno delle barriere economiche, amministrative ed ideologiche e dalla diffusione in tempo reale dell‟informazione. I processi di integrazione e di unificazione dei mercati che ne sono derivati vengono definiti con la locuzione “globalizzazione dei mercati,” espressione usata per la prima volta da Theodore Levit, teorico e docente di marketing alla Havard Business School, in un suo articolo del 1983 1 . Con questo termine solitamente ci si riferisce alla crescente integrazione ed interdipendenza delle economie nazionali che è avvenuta non solo attraverso gli 1 Nell‟articolo in questione l‟autore afferma che la tecnologia è:<<Una forza di grande potenza che spinge il mondo verso modelli sempre più uniformi e convergenti. Questa forza ha reso accessibili a tutti le comunicazioni , i trasporti, i viaggi. Essa ha fatto si che anche nei luoghi più isolati e fra le popolazioni più povere sia finito il richiamo del mondo moderno. Praticamente ogni uomo della terra desidera tutte le cose di cui ha sentito parlare o che ha potuto vedere o sperimentare grazie alle nuove tecnologie. Da tutto ciò nasce una nuova realtà commerciale e cioè l‟emergere dei mercati global>> LEVITT T., „The globalization of market‟, in Harvard Business Review, May– June, 1983, 92-102. 5

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giovanna Falco Contatta »

Composta da 138 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4251 click dal 22/04/2011.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.