Skip to content

La responsabilià delle multinazionali per violazioni dei diritti umani

Informazioni tesi

  Autore: Giovanna Falco
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Massimo Iovane
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 138

All’inizio del lavoro ci si è proposti di tracciare un quadro giuridico ben articolato della tematica concernente la responsabilità civile delle imprese multinazionali.
Per poter inquadrare il senso del lavoro si è reso necessario prendere in considerazione seppur brevemente due aspetti del fenomeno della mondializzazione dell’economia ossia l’espansione delle attività dei grandi gruppi economici a livello globale ed il conseguente sorgere di problemi ed interessi della comunità internazionale circa le attività transnazionali di tali imprese. Dall’analisi effettuata è emerso che, sebbene le imprese siano sempre più spesso coinvolte in gravi abusi, godono tuttora di una sostanziale impunità. Il diritto internazionale classico, infatti, indirizzandosi formalmente ai rapporti tra stati, non offre una sufficiente base giuridica per riconoscere una responsabilità diretta in capo alle imprese; le risposte legislative dei singoli stati in particolare dei paesi in via di sviluppo, destinatari dell’investimento, si sono rilevate inefficaci a controllare il comportamento delle imprese e la maggioranza degli stati di origine, pur disponendo delle competenze tecniche e di un sistema giudiziario adatto a giudicare eventuali violazioni, si sono dimostrati, per una serie di ragioni esaminate, riluttanti a dar vita ad un quadro giuridico di regolamentazione della giurisdizione extraterritoriale. Ciononostante, ad oggi, è proprio l’esercizio dell’home country control a produrre i risultati più significativi nella repressione delle attività illecite delle imprese multinazionali.Nell’intento di dare effettiva attuazione alle responsabilità che incombono sulle imprese in materia di diritti umani si è, infatti, progressivamente consolidata, prevalentemente nei sistemi di common law, una pratica speciale consistente nella promozione di azioni giudiziarie di fronte a corti nazionali, sull’impianto classico della responsabilità civile per fatto illecito. L’attenzione è stata rivolta, in particolare, ai procedimenti giudiziari instauratisi negli Stati Uniti che senza dubbio rappresentano quelli più degni di nota tra tutte le cause promosse contro le compagnie transnazionali. Le ragioni di tale interesse sono state individuate soprattutto nell’esistenza di un atto normativo assente nelle altre giurisdizioni di common law. Ci si riferisce all’ATCA, che, adottato dal congresso statunitense nel lontano 1789, riconosce la competenza giurisdizionale dei tribunali statunitensi su attività illecite poste in essere dalle multinazionali al di fuori del territorio nazionale.
Le potenzialità astrattamente riconducibili al suo esercizio,tuttavia in molti casi non sono state concretamente realizzate. La dottrina anglosassone del forum non conveniens, le dottrine statunitensi dell’Act of State e della Political question,e la complessa struttura delle imprese, che difficilmente consente di imputare l’illecito alla società madre, costituiscono infatti potenti strumenti nelle mani delle imprese per evadere in modo alquanto agevole l’applicazione extraterritoriale della giurisdizione del paese di origine.Nell’ultima parte della trattazione l’attenzione si è concentrata sulle prospettive offerte dalla normativa comunitaria (Convenzione di Bruxelles) al fine di rafforzare la responsabilità delle imprese e sull’unica azione giudiziaria intentata in un paese di civil law contro una multinazionale per violazione dei diritti umani compiute all’estero: si tratta del caso Oruma v. Shell attualmente in attesa di una pronuncia definitiva.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE IL CONTROLLO DELLE ATTIVITA’ DELLE IMPRESE MULTINAZIONALI TRA DIRITTO INTERNO E DIRITTO INTERNAZIONALE 1. La globalizzazione dei mercati e la nascita delle imprese multinazionali (o transnazionali) Negli ultimi decenni lo scenario del mercato globale è andato via via trasformandosi sotto l‟incalzare di una molteplicità di forze, alcune già in atto da tempo e altre di più recente origine. Tali forze sono costituite dalla crescente omogeneizzazione dei processi di consumo, dal ruolo integratore svolto dalla tecnologia, dal venir meno delle barriere economiche, amministrative ed ideologiche e dalla diffusione in tempo reale dell‟informazione. I processi di integrazione e di unificazione dei mercati che ne sono derivati vengono definiti con la locuzione “globalizzazione dei mercati,” espressione usata per la prima volta da Theodore Levit, teorico e docente di marketing alla Havard Business School, in un suo articolo del 1983 1 . Con questo termine solitamente ci si riferisce alla crescente integrazione ed interdipendenza delle economie nazionali che è avvenuta non solo attraverso gli 1 Nell‟articolo in questione l‟autore afferma che la tecnologia è:<<Una forza di grande potenza che spinge il mondo verso modelli sempre più uniformi e convergenti. Questa forza ha reso accessibili a tutti le comunicazioni , i trasporti, i viaggi. Essa ha fatto si che anche nei luoghi più isolati e fra le popolazioni più povere sia finito il richiamo del mondo moderno. Praticamente ogni uomo della terra desidera tutte le cose di cui ha sentito parlare o che ha potuto vedere o sperimentare grazie alle nuove tecnologie. Da tutto ciò nasce una nuova realtà commerciale e cioè l‟emergere dei mercati global>> LEVITT T., „The globalization of market‟, in Harvard Business Review, May– June, 1983, 92-102. 5

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

acta
alien tort claims act
multinazionali
oruma versus shell
regolamento di bruxelles 2001
responsabilità civile mutinazionali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi