Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sviluppo di algoritmi di controllo e modelli real-time di un sistema sterzante per un electric power-assisted demo

Negli ultimi anni, con l’avvento di nuove tecnologie, sono stati introdotti e perfezionati i sistemi sterzanti, di cui è dotato un autoveicolo, in modo da garantire al conducente una guida sempre più semplice e confortevole.
Questo ha fatto si che i componenti elettromeccanici, adibiti al controllo e al supporto dell’intero sistema, aumentassero sia in numero che in complessità, richiedendo, pertanto, requisiti sempre più stringenti in termini di affidabilità.
In particolare, il sistema Electric Power Steering (EPS) consente di agevolare il guidatore nella manovra di sterzata, fornendo una coppia che si contrappone a quella resistente che si avverte allo sterzo, mediante l’ausilio di un motore BLDC, particolarmente adatto allo scopo, controllato in corrente.
L’EPS deve garantire sensibilità, precisione e maneggevolezza durante la marcia, ed ha il compito di intervenire solo quando necessario.
Per ottenere tali prestazioni sono stati implementati diversi sistemi di controllo, ognuno caratterizzato da un diverso grado di complessità e precisione.
Nel presente lavoro di tesi è stato realizzato un dimostratore delle capacità di una centralina, costituita esclusivamente da componenti STMicroelectronics, che riuscisse in maniera semplice a controllare un motore BLDC, allo scopo di fornire la coppia di supporto necessaria alle manovre che un utente imposta mediante una pratica interfaccia grafica.
In particolar modo verrà posta maggior attenzione nello sviluppo dei modelli della coppia resistente avvertita allo sterzo, quindi la coppia in condizioni stazionarie (velocità nulla) e la coppia di auto-allineamento, e nella realizzazione dell’interfaccia grafica, mentre, per non risultare eccessivamente dispersivi, non si spiegherà in dettaglio la realizzazione su microcontrollore di tali sistemi.
La tesi è strutturata in quattro capitoli.
Nel primo capitolo verranno trattati i vari sistemi sterzanti sviluppati ed i vari tipi di servosterzo esistenti: da quello idraulico al sistema steer-by-wire, passando per l’EPS, con i requisiti di sicurezza che devono soddisfare.
Nel secondo capitolo verrà analizzata la struttura della centralina EPS implementata da STMicroelectronics ed i componenti che la costituiscono: il microcontrollore Leopard, il fet-driver L9906, il power-supply L9758, l’inverter ed il motore BLDC.
Verranno trattati anche gli altri elementi che sono stati necessari per la realizzazione del dimostratore implementato, come il microcontrollore MONACO, e saranno elencati, con le loro caratteristiche, i messaggi scambiati dalle varie periferiche.
Il terzo capitolo è dedicato alla descrizione dell’aspetto e delle funzionalità implementate nell’interfaccia grafica (GUI).
Verrà visto nello specifico come avviene la comunicazione con il MONACO e com’è stato gestito il mutithreading, necessario per non perdere informazioni.
Infine, nel quarto capitolo verranno analizzate le equazioni matematiche dei modelli proposti, nonché descritta in dettaglio la loro realizzazione.
In questo capitolo saranno anche visualizzati i risultati ottenuti mediante il confronto con il simulatore di dinamica dei veicoli veDYNA e la verifica del sistema di controllo avvenuta mediante dSPACE.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 – Sistemi sterzanti, EPS e Safety - 1 - CAPITOLO 1 S Si is st te em mi i s st te er rz za an nt ti i, , E EP PS S e e S Sa af fe et ty y 1.1 Introduzione In questo capitolo verranno illustrati i vari tipi di sistemi sterzanti esistenti, l’utilità del servosterzo ed il principio di funzionamento di un sistema Electric Power Steering (EPS), nonché verranno introdotti alcuni concetti di Safety necessari per lo sviluppo di applicazioni in ambito Automotive. 1.2 Sistemi sterzanti Con la nascita dei primi veicoli, ci si rese subito conto della necessità di un meccanismo che permettesse di cambiare direzione, è nato così lo sterzo. Nei carri era presente un sistema elementare ed ingegnoso allo stesso tempo: l'asse posteriore era fisso, mentre quello anteriore era imperniato in mezzo e collegato all'animale, così che, quando l'animale cambiava direzione, automaticamente il carro

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Ivan Massimiani Contatta »

Composta da 131 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 960 click dal 27/04/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.