Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Implementazione e analisi di un mouse ottico 3D basato su feature tracking

Questo lavoro di tesi riguarda l'implementazione di un mouse ottico 3D basato su feature tracking con successiva analisi dei risultati. L'idea è di utilizzare una comune webcam come una periferica di puntamento paragonabile al controller della Nintendo Wii. Per la programmazione sono state utilizzate le librerie openCV e le openGL per la visualizzazione grafica dei risultati, il linguaggio utilizzato è il C.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Siamo ormai abituati alle continue migliorie apportate dal mondo della scienza per aumentare la vivibilità e il benessere, ma la tendenza a “umanizzare” le macchine continua a meravigliare anche gli addetti al settore. Non che l'ide a di comfort sia cosa nuova, l'uomo ha sempre modificato l'ambiente e le cose di cui si serviva perché l'utilizzo fosse il più veloce e semplice possibile e soprattutto con il minimo dispendio di energie. La particolarità in questo caso è che, mentre prima si parlava di comodità, usabilità o comfort, ora si pretende di più, si cerca di rendere la tecnologia quasi umana, secondo l'ormai celebre appellativo human-friendly . Computer parlanti, interfacce interattive che permettono di sfogliare un giornale con il semplice movimento di un braccio, periferiche di gioco che offrono agli utenti esperienze realistiche, sono solo alcuni esempi degli enormi passi avanti fatti negli ultimi decenni nell'interazione uomo-macchina. Questo lavoro di tesi si pone nell'ambito sopra descritto: l'idea è quella di realizzare un'interfaccia di puntamento con la capacità di muoversi in uno spazio tridimensionale [1], ad esempio pilotare un modello 3D in uno spazio virtuale, utilizzando una tecnologia facilmente reperibile. E' infatti consuetudine moderna lavorare in ambientazioni tridimensionali, in cui gli spostamenti avvengono lungo direzioni che non è possibile indirizzare rapidamente con un normale mouse. Ad esempio, si pensi ai software per la chimica o la biologia, in cui si 3

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Gabriele Iodice Contatta »

Composta da 51 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 421 click dal 04/07/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.