Skip to content

Turchia: la terra di mezzo - Storia e analisi della Repubblica Turca tra Est e Ovest

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Morresi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Macerata
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Michela Mercuri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 141

Lo studio della storia della Repubblica turca mette in luce come la regione che essa ricopre, l’Anatolia, possa essere davvero considerata come una sorta di cerniera tra occidente ed oriente.
Già durante l’impero ottomano questa centralità era ben evidente, in un impero che racchiudeva la maggioranza del mondo islamico e la cui capitale era considerata la porta sull’oriente vennero, all’interno della società, da più parti richieste riforme “occidentalizzanti”, le tanzimat.
Le tanzimat svolsero, a detta di buona parte della storiografia, un ruolo “propedeutico” alla creazione dello stato nazionalista e laicista di Kemal, il quale compì una vera e propria “rivoluzione” sociale, con l’obiettivo di estirpare la religione e qualsiasi residuo di storia ottomana dalla vita pubblica del nuovo stato.
L’elite militare divenne la protettrice di quella che, alla morte di Ataturk, venne considerata una sorta di religione civile, il cosiddetto dogma kemalista.
In politica estera l’ideologia kemalista ha comportato nel secondo dopoguerra l’abbandono dell’equidistanza attuata durante il governo dello stesso Ataturk, per un’alleanza totale con le potenze occidentali, suggellata dall’ingresso nella Nato avvenuto nel 1953. La Turchia divenne il “confine orientale” dell’occidente, un tappo sull’Unione Sovietica e sull’area mediorientale. L’importanza di questo ruolo, la salda unione con il governo statunitense ed i rigidi precetti del kemalismo hanno tuttavia bloccato lo sviluppo democratico del paese, infatti nel periodo che va dal dopoguerra fino alla fine del secolo, la vita politica interna della Turchia è stata caratterizzata da continui colpi di stato dei funzionari militari.
Il punto di svolta di questo “percorso” dello stato turco è rappresentato dall’ascesa al potere del partito islamico Akp e del suo leader Erdogan, nel 2002.
In politica estera questo ha comportato una riattivazione dei rapporti col mondo mediorientale ed asiatico, senza dimenticare la cooperazione sorta con lo storico nemico russo, secondo i dettami della dottrina di “profondità strategica” del neo Ministro degli Esteri Ahmet Davutoglu. L’ex professore e consigliere in politica estera di Erdogan ha teorizzato dieci anni orsono un piano strategico che avesse potuto portare la Repubblica turca da una situazione di passività e dipendenza dall’alleato occidentale a un nuovo ruolo di potenza regionale ma anche internazionale; tutto questo rievocando ciò che il kemalismo ha, per quasi un secolo, tentato di eliminare, cioè la storia ottomana e la tradizione islamica.
In termini attuali riaffacciarsi sui territori dell’ex impero non ha significato naturalmente una nuova occupazione territoriale quanto una riapertura dei rapporti all’insegna del soft power: relazioni basate sulla cultura e l’economia all’insegna dello slogan “zero problemi con i vicini”. Le nuove linee di politica estera hanno portato ad un bilanciamento della posizione turca rispetto all’occidente; la stessa adesione all’interno della Comunità Europea, per anni vista come un obiettivo imprescindibile se non “unico”, oggi sembra rappresentare solamente una soluzione “in più” per Ankara, sia per i continui tentennamenti di alcuni stati europei sia perché nella stessa società turca l’approdo nell’Ue non suscita più grande entusiasmo, mentre viene vista con favore la riapertura al mondo islamico. In questo contesto, la nuova posizione internazionale e la politica di azzeramento dei problemi con gli stati vicini, frutto della “profondità strategica”, sembrano piuttosto fare da traino alla politica energetica che Ankara intende percorrere nei prossimi anni, facendo in questo senso dell’Anatolia un hub fondamentale in un ideale crocevia tra Europa, Medio Oriente, Russia e Asia Centrale. Raggiungere un buon livello di stabilità regionale infatti è il punto di partenza per la cooperazione economica ed energetica ed è in questi termini che si spiega il “dualismo” turco tra oriente ed occidente, un “dualismo” che, se inteso nella giusta maniera, può anche essere “sfruttato” da Europa ed Usa per avviare un reale dialogo col mondo islamico, facendo della Turchia l’interlocutore fondamentale al centro di due mondi da sempre in contrasto tra loro.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
- 4 - INTRODUZIONE Nata dalle ceneri dell‟antico impero Ottomano la Turchia ha sempre rappresentato per l‟occidente la porta di un mondo con cui è storicamente e culturalmente in contrasto, il mondo musulmano. La particolare posizione geografica e le scelte effettuate dai propri governi hanno fatto poi della Repubblica turca, durante i decenni della guerra fredda, una sorta di avamposto occidentale sulla potenza sovietica e sull‟area mediorientale. Un ruolo strategico di primo piano che, giocoforza, è venuto a mancare con la caduta del muro di Berlino. Per la Turchia, come per il mondo intero, la fine del regime comunista ha aperto una nuova epoca, sia per quanto riguarda la politica interna che quella estera. La svolta è rappresentata dall‟approdo alle redini del governo del partito islamico moderato Akp (Adalet ve Kalkınma Partisi – Partito per la Giustizia e lo Sviluppo) e del suo leader Recep Taypp Erdogan. Dal punto di vista delle relazioni internazionali il nuovo partito di governo, mettendo in atto la cosiddetta dottrina di “profondità strategica”, ha rivoluzionato quelle che erano scelte “dogmatiche” della Repubblica turca fin dal principio della sua storia. Così oggi tra un difficile processo di entrata nella Ue ed una riapertura sostanziale dei rapporti con i paesi dell‟area mediorientale, senza dimenticare la particolare posizione geografica che la rendono un crocevia fondamentale per politica energetica occidentale, la Turchia torna a rivestire una notevole importanza strategica negli equilibri tra oriente, occidente e gli stati situati a est del sistema internazionale. Alla luce di quanto sopra affermato il presente lavoro si propone di analizzare la storia della Repubblica turca dal punto di vista delle sue relazioni con l‟est, rappresentato in primis dalla “storicamente minacciosa” Russia e parte dell‟area

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

akp
armenia
azerbaijan
curdi
energia
erdogan
europa
gasdotti
guerra fredda
iran
islam
kemal
medio oriente
nabucco
nato
occidente
oleodotti
politica energetica
profondità strategica
russia
south stream
tanzimat
turchia
usa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi