Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Albania postcomunista. Il nuovo sistema politico e il ruolo dell'Italia

La tesi tratta il sistema politico albanese dal 1990 fino alle ultime elezioni politiche del 2009. Cerco di dare una panoramica più dettagliata al passaggio dal comunismo alla "democrazia" del paese, ai partiti politici e le loro formazioni, come sono cambiate negli anni sia nel numero che al loro interno. Nel concludere ho trattato i rapporti tra Italia e Albania, come sono evolute e rafforzate nel tempo.

Mostra/Nascondi contenuto.
Albania postcomunista. Il nuovo sistema politico e il ruolo dell'Italia 1 INTRODUZIONE All'indomani del secondo conflitto mondiale, l’Albania fu l’unico Paese europeo a sconfiggere i nazi-fascisti senza l’aiuto statunitense o sovietico. Il paese dà al nuovo governo, che era controllato dal Partito Comunista e dominato dalla figura di Enver Hoxha, una libertà di decisioni che ebbe delle ripercussioni nei successivi quarant’anni. In seguito alla vittoria militare della Resistenza comunista, processi sommari vennero intentati contro gli oppositori, a opera del ministro degli interni Koci Xoxe. Nelle elezioni del dicembre 1945 il Fronte Democratico, 1 ottenne il 93% dei suffragi su una massa di votanti pari al 92% degli aventi diritto al voto. Il partito unico, una volta eliminate le formazioni non comuniste come Balli Kombetar (il Fronte Nazionale) di Mithat Frasheri o Legaliteti (la Legalità) di Abaz Kupi e frazioni dissidenti come quella di Andrea Zizi e quella dei “giovani” Lula-Premte, si affermò anche in Albania, analogamente a quanto stava accadendo negli altri Paesi dell'Europa centro- orientale inseriti nella orbita dell'egemonia sovietica. I comunisti albanesi, come anche quelli iugoslavi, si attribuivano il merito della resistenza contro il nazismo e il fascismo, e, dunque, la prerogativa di costruire il nuovo assetto politico istituzionale. I dirigenti vararono, subito dopo la Iugoslavia, una costituzione che ricalcava quella sovietica del 1936 differenziandosi, in questo modo, dalle altre democrazie popolari, come aveva fatto a sua volta l'Unione Sovietica che aveva voluto dimostrare che le nuove forme di governo occidentali non rispondevano 1) Che altro non era che la nuova veste del movimento della liberazione nazionale o Lufta Nacional Clirimtare.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Elona Allkja Contatta »

Composta da 217 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3649 click dal 04/05/2011.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.