Skip to content

L'esperienza del trattamento dell'anoressia-bulimia nel piccolo gruppo monosintomatico

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Monaco
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Massimo Recalcati
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 110

L’anoressia-bulimia è una malattia cosiddetta psichica, mentale, che investe profondamente il corpo e, più di ogni altra, mette a rischio la sopravvivenza del corpo. Ma andando oltre l’aspetto puramente medico-fisico possiamo vedere l’anoressia-bulimia come un scelta del soggetto, un anestetico, una stampella, ovvero una cura: il rifugio nel sintomo consente di sfuggire ai pericoli, ai dolori che rendono intollerabile la vita, in nome di un ideale di purezza, di distacco, di autonomia assoluta. Paradossalmente l’anoressia-bulimia, più che come una malattia, è vissuta come una cura del disagio dell’esistenza. Con il sintomo anoressico-bulimico il soggetto prende le distanze dalle relazioni umane, preserva la propria soggettività, si difende dagli eccessi dell’altro, vive in una dimensione di controllo delle passioni che protegge la persona dai rischi del rapporto con gli altri; nel sintomo trova una propria, anche se falsa, identità. In queste condizioni il soggetto si illude di non aver bisogno di nessuno, ma basta il minimo cedimento per far sgretolare la rocca inespugnabile in cui ci si è rinchiusi. Solo quando perdono questa forza e cedono alla pulsione di mangiare, venendo travolte dalla spinta ad abbuffarsi di cibo e diventando bulimiche, possono domandare una cura, sperando di recuperare quel potere perduto. L’obiettivo clinico sarà, allora, quello di permettere alla persona di riflettere sul senso del suo sintomo, ricercare le cause della genesi della malattia, ricordando gli eventi salienti della sua vita e il modo in cui li ha vissuti, affinché il sapere che elabora durante questo lungo percorso la spinga a modificare le scelte che ha fatto e i vantaggi che paradossalmente ottiene dal suo disagio. Il lavoro analitico con i disturbi alimentari è un lungo lavoro di accettazione della persona e di comprensione profonda del suo disagio; non si guarisce forzando la persona ad alimentarsi né estirpandole di dosso il sintomo.La posizione anoressica-bulimica del soggetto si presenta come ostile ad ogni legame con l’altro, è un rifiuto radicale dell’Altro. Questo rifiuto conduce il soggetto a scegliere come partner anziché l’altro sesso, un partner alternativo, inumano e asessuato. In questo senso, l’immagine del corpo-magro riflessa allo specchio e l’attrazione irresistibile verso l’oggetto-cibo prendono il posto di ogni possibile legame sociale. La tendenza narcisistica e quella socialistica che sono, secondo Bion, ugualmente imprescindibili per la costituzione del soggetto, sembrano non annodarsi ma divergere. Si afferma così nel soggetto anoressico-bulimico un narcisismo mortifero che separa il soggetto da ogni forma di legame. In questo lavoro di tesi cercherò di illustrare il funzionamento del piccolo gruppo monosintomatico anoressico-bulimico, a conduzione analitica, come dispositivo efficace nel trattare questa chiusura narcisistica e autistica di godimento, ovvero nel rompere l’isolamento anoressico-bulimico. Il piccolo gruppo monosintomatico è un gruppo composto da soggetti che condividono la stessa sofferenza anoressico-bulimica. L’esperienza del gruppo è, innanzitutto, l’esperienza di un legame, di un annodamento; è l’esperienza di un Eros che si contrappone alla spinta alla morte. Il gruppo diventando un nuovo oggetto libidico prova a deviare la corsa rovinosa del soggetto verso la morte. In altre parole, attraverso il gruppo si tenta di sfruttare la monosintomaticità, ovvero la tendenza sociale a fare del sintomo una sorta di insegna identificatoria che raggruppa soggetti simili uniti da un tratto comune, per tentare, successivamente di riabilitare il soggetto dell’inconscio e far emergere il tratto unico, particolare e irriducibile del soggetto ovvero il suo desiderio. Detto in altri termini, si parte dall’universalità del sintomo per arrivare alla “particolarità”, all’unicità del singolo. Il gruppo è sperimentato, anche in letteratura (Neri, 1995; Marinelli, 2004; Corbella, 2004; Recalcati, 2005), come un luogo che rende nuovamente praticabile uno scambio con l’altro; attraverso il gruppo si cerca di “rimettere il soggetto alla tavola dell’Altro”, in un nuovo convivio dove ciò che circola non è l’oggetto-cibo ma la dimensione simbolica della parola. In altre parole il piccolo gruppo ricostruisce simbolicamente la tavola dell’Altro. Un aspetto importante, in questo contesto, gioca il ruolo dell’analista. Un gruppo è tale in quanto orientato dal lavoro dell’analista; l’analista non è il leader, non alimenta l’identificazione a massa ponendosi nel luogo dell’Ideale, come fa il leader. L’analista è colui che, invece, è in grado di guidare la cura e non il gruppo, riuscendo a preservare il suo posto come posto vuoto; riproponendo un’espressione di Lacan, “l’analista opera come meno-uno”, come luogo della non risposta che rende possibile e mobilita il lavoro del gruppo agendo attraverso l’interpretazione. Il filo conduttore di tutto il lavoro di tesi è la prospettiva psicoanalitica lacaniana.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione L‟anoressia-bulimia è il sintomo tangibile di un dolore che non si vede, di un disagio psicologico lungamente incubato. L‟anoressia-bulimia è una malattia cosiddetta psichica, mentale, che investe profondamente il corpo e, più di ogni altra, mette a rischio la sopravvivenza del corpo. Ma andando oltre l‟aspetto puramente medico-fisico possiamo vedere l‟anoressia-bulimia come un scelta del soggetto, un anestetico, una stampella, ovvero una cura: il rifugio nel sintomo consente di sfuggire ai pericoli, alle minacce, ai dolori che rendono intollerabile la vita, in nome di un ideale di purezza, di distacco, di autonomia assoluta. I soggetti anoressici che riescono a mantenere salda la loro posizione e l‟intenzione di non mangiare non chiedono a nessuno di guarire, perché l‟anoressia è per loro una conquista alla quale non vogliono rinunciare. Paradossalmente l‟anoressia-bulimia, più che come una malattia, è vissuta come una cura del disagio dell‟esistenza. Con il sintomo anoressico-bulimico il soggetto prende le distanze dalle relazioni umane, preserva la propria soggettività, si difende dagli eccessi dell‟altro, vive in una dimensione di controllo delle passioni che protegge la persona dai rischi del rapporto con gli altri; nel sintomo trova una propria, anche se falsa, identità. In queste condizioni il soggetto si illude di non aver bisogno di nessuno, ma basta il minimo cedimento per far sgretolare la rocca inespugnabile in cui ci si è rinchiusi. Solo quando perdono questa forza e cedono alla pulsione di mangiare, venendo travolte dalla spinta ad abbuffarsi di cibo e diventando bulimiche, possono domandare una cura, sperando di recuperare quel potere perduto. L‟obiettivo clinico sarà, allora, quello di permettere alla persona di riflettere sul senso del suo sintomo, ricercare le cause della genesi della malattia, ricordando gli eventi salienti della sua vita e il modo in cui li ha vissuti, affinché il sapere che elabora durante questo lungo percorso la spinga a modificare le scelte che ha fatto e i vantaggi che paradossalmente ottiene dal suo disagio. Si tratta, in altri termini, di allentare con il tempo il legame con un godimento chiuso in se stesso, limitato al circuito del cibo e del vomito, per riallacciare la persona a un legame sociale possibile. Il lavoro analitico con i disturbi alimentari è un lungo lavoro di accettazione della persona e di comprensione profonda del suo disagio; non si guarisce forzando la persona ad alimentarsi né estirpandole di dosso il sintomo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi