Skip to content

Supporto sociale: fattore di benessere organizzativo

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Piovano
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Daniela Converso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 37

I temi che stanno acquistando maggior importanza all’interno dell’ambiente lavorativo nella società odierna riguardano il benessere organizzativo, la salute e la qualità della vita.
Il concetto di lavoro è fondamentale per l’esperienza umana, poiché è ciò che impegna l’uomo in tutto il suo ciclo di vita; una relazione che da sempre viene definita come indissolubile.
Nell’era preindustriale dominava un’ideologia secondo la quale il lavoro manuale non era parte della società, assumendo una connotazione negativa, poiché associato ai termini di sofferenza e fatica. Il termine lavoro deriva dal latino labor, che significa appunto fatica.
Con l’avvento dell’era industriale il concetto di lavoro assume un significato diverso, inteso come erogazione da parte dell’uomo di una forza produttiva che al tempo stesso è trasformazione e creazione. Viene perciò posto rilievo alla centralità della persona all’interno dell’impresa in cui opera e alla visione del lavoro nel suo significato positivo, necessario per la soddisfazione dei bisogni personali e per un arricchimento della propria autostima.
Il lavoratore deve essere inteso non più solo come forza-lavoro o risorsa economica da inserire nei processi di produzione, ma anche come persona appartenente a un progetto lavorativo di cui possa comprenderne il senso. Il singolo deve avere la possibilità di esprimere i propri progetti, di essere e sentirsi protagonista all’interno dell’organizzazione, di poter condividere con altri un percorso di conoscenza continua.
La vita lavorativa diventa ragione di valorizzazione personale, premessa imprescindibile alla realizzazione dell’attuale concetto di salute, quale stato di equilibrio fisico, psichico e sociale, e non più di semplice assenza di malattia; in sostanza diviene benessere da perseguire laddove le persone vivono e lavorano (Toffoletto e Latocca, 2009).
A livello lavorativo avvengono dei cambiamenti nelle modalità produttive, nelle caratteristiche della forza lavoro (ad esempio subentra maggiormente la presenza della donna), nella formulazione dei contratti, nelle forme di organizzazione. Questi cambiamenti implicano perciò trasformazioni sia al concetto del lavoro, sia al concetto del benessere lavorativo, focalizzando l’attenzione non più soltanto alle problematiche legate alla salute e alla sicurezza, ma diviene necessario porre attenzione alla prevenzione e all’osservazione.
Il tema del benessere organizzativo richiede perciò una nuova forma di convergenza tra il sapere sulla salute e quello sull’organizzazione, tenendo in considerazione le dimensioni del lavoro, la valorizzazione dei dipendenti, i rapporti che vengono ad instaurarsi all’interno dell’organizzazione stessa, l’equità del trattamento retributivo, l’organizzazione del lavoro, ma soprattutto indagando quanto questi possano incidere sul benessere delle persone e dell’organizzazione, divenendo fattori di rischio o di protezione (Avallone e Paplomatas, 2005).
Il presente lavoro analizza lo sviluppo del concetto di benessere organizzativo, e sottolinea l’importanza delle relazioni che si vengono ad instaurare all’interno dell’organizzazione.
Il primo capitolo si occupa della definizione sia del concetto del benessere nell’ambito del lavoro, delineando i concetti chiave legati alle problematiche connesse al lavoro, sia del concetto di salute organizzativa, riprendendo il lavoro intrapreso da Avallone e Paplomatas (2005), in cui vengono descritte le caratteristiche e le condizioni che la determinano.
Nel secondo capitolo principalmente viene analizzato il ruolo che assume il supporto sociale, inteso come fattore interno all’ambiente lavorativo in grado di proteggere i lavoratori da agenti negativi, quali lo stress, il burn-out, il turnover. Vengono inoltre definiti i ruoli assunti dagli individui all’interno dell’organizzazione stessa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Capitolo 1 BENESSERE E SALUTE Il benessere (da ben – essere = “stare bene” o “esistere bene”) è uno stato che coinvolge diversi aspetti dell’essere umano. L’accezione antica faceva coincidere il benessere con la salute, per lo più a livello fisico, riconducendo il termine a una condizione di assenza di patologie; nel tempo ha assunto un significato più ampio, rappresentando aspetti del benessere fisico, mentale e sociale. Nel 1986 l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), specificamente nella Carta di Ottawa, ha definito la salute come un concetto positivo che amplifica le risorse sociali e personali, così come le capacità fisiche. La salute perciò è legata sia ad aspetti sociali sia individuali, identificando la dimensione sociale come il ruolo fondante nella promozione del benessere individuale. Oltre che essere associato alle condizioni individuali e sociali della persona, la salute indica anche la transizione dall’attenzione per i deficit personali da correggere, poiché legati a patologie, alla rivalutazione degli aspetti individuali e sociali che possono rappresentare risorse e potenzialità necessarie per la vita dell’individuo. Si passa dunque da una concezione della salute centrata sul mantenimento di uno stato di equilibrio tra il benessere e il malessere, dove la prevenzione è sempre connotata negativamente poiché centrata sulla perdita della salute, ad un’idea caratterizzata dalla consapevolezza dell’inscindibilità del continuum malessere-benessere, dando enfasi agli indicatori positivi di salute. A causa dell’ampia natura del concetto del benessere, risulta difficile individuare una concezione idonea su cui possano vertere i diversi studi legati alla concezione del benessere. Nella prospettiva soggettiva, ad esempio, il benessere viene analizzato in rapporto alle condizioni di vita oggettive e dei fattori socio-demografici e situazionali, ai processi psicologici e psico-sociali. Chi sostiene questa prospettiva sostiene che il benessere sia legato alla condizione in cui si sperimentano la felicità e la soddisfazione, dando importanza e significato alle emozioni positive dell’esperienza (Cicognani, 2001). Se si sposta invece l’attenzione sul benessere sociale, e quindi sulle relazioni che si instaurano tra l’individuo e il sociale, si osserva che oltre alle emozioni positive, c’è anche un bisogno

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi