Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Confronto tra i parametri riproduttivi di due specie di uccelli insettivori in un cerreto e in un faggeto dei nebrodi

Lo scopo di questa ricerca è di accertare se nel contesto boschivo, dove si è svolto lo studio, vi siano differenze significative, dal punto di vista statistico, tra due specie di uccelli insettivori rispetto ai seguenti parametri: data di deposizione, numero di uova deposte, numero di pulcini involati, accrescimento dei pulcini e rapporto percentuale tra numero di pulcini involati e numero di uova deposte (percentuale successo riproduttivo).

Mostra/Nascondi contenuto.
4 CONFRONTO TRA I PARAMETRI RIPRODUTTIVI DI DUE SPECIE DI UCCELLI INSETTIVORI IN UN CERRETO ED IN UN FAGGETO DEI NEBRODI 1. Introduzione La consistenza delle popolazioni di uccelli insettivori e i loro parametri riproduttivi sono ritenuti indicatori importanti per valutare la diversità faunistica negli ambienti boschivi. In particolare, Glen (2004) ha mostrato che gli uccelli insettivori possono svolgere un ruolo molto importante nel controllare i bruchi di lepidotteri defogliatori nei boschi. Per stimare la produttività degli ambienti boschivi è stata seguita la riproduzione di specie d’uccelli tipicamente insettivore con il metodo delle cassette-nido. Sono state poste, nella primavera 2004, in due aree boschive del Parco dei Nebrodi, 200 cassette-nido per la riproduzione delle cince. I due boschi selezionati sono stati un cerreto (Lago Zilìo) e un faggeto (Sollazzo Verde-Monte Soro) acquisiti dal Parco Regionale dei Nebrodi. Nella primavera del 2005 altre 25 cassette nido sono state installate nel faggeto di Serra del Re. Il metodo delle cassette-nido consente alle specie della Famiglia Paridae (cince di diverse specie) di nidificare e al tempo stesso al ricercatore di acquisire importanti dati biologici, che non sarebbe possibile rilevare in natura. Studi effettuati su ecosistemi forestali maturi, hanno messo in evidenza che gli uccelli risentono della complessità tridimensionale del bosco. Infatti, si è evidenziato come la ricchezza di specie ornitiche sia positivamente correlata con l’aumento della complessità della struttura verticale. Soprassuoli di questo tipo, con

Tesi di Laurea

Facoltà: Agraria

Autore: Massimo Cannata Contatta »

Composta da 70 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 310 click dal 25/05/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.