Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Una tradizione gastronomica “poliedrica”: i brodetti del Mar Adriatico. Caratterizzazione sensoriale delle principali specie-ingrediente e percorsi di degustazioni delle tipologie più note

Data la scarsità di letteratura riguardante l’analisi sensoriale di alcune delle specie inserite nei brodetti e i relativi percorsi di degustazione, si è voluto caratterizzare e descrivere sensorialmente alcune ricette di questo piatto tipico dell’Adriatico.
Il lungo tratto di costa adriatica che va dal golfo di Trieste al Gargano, infatti, è la patria del brodetto. Esistono tanti brodetti quanti sono i porti: ogni ricetta ha caratteri peculiari, dati dalla varietà della materia prima, dai tempi e dai modi di cottura.
La storia del brodetto è quella di un piatto povero, nato a bordo dei pescherecci, dove i marinai cuocevano, grazie all’azione aggressiva dell’aceto, quei pesci che non avrebbero avuto mercato perché meno pregiati o perché rovinati dalle reti. Il numero di specie che deve entrare a far parte di questo piatto varia da ricetta a ricetta.

Il mio elaborato è stato suddiviso in due parti:
• caratterizzazione sensoriale delle principali specie-ingrediente
• degustazione di alcune ricette.
Nella prima parte sono state valutate sensorialmente sette delle specie tipiche del brodetto: la canocchia (Squilla mantis), la seppia (Sepia officinalis), lo scorfano rosso (Scorpena scrofa), il pesce prete (Uranoscopus scaber), la tracina drago (Trachinus draco), il cappone ubriaco (Trilgloporus lastoviza) e il palombo (Mustelus mustelus).
La nostra ricerca ha voluto caratterizzare alcune delle ricette tipiche delle Marche, dell’Abruzzo e del Molise; nella seconda parte infatti, sono state degustate sei ricette tipiche di queste tre regioni: i brodetti giuliese, pescarese, termolese, sambenedettese, vastese e senigalliese a raffronto, come “paletti esterni”, con il ciambotto molfettese ed il cacciucco livornese.
Per effettuare l’analisi sensoriale e le successive degustazioni era necessario disporre di un gruppo di panellisti. Il mio team, composto da 7 persone, aveva ricevuto un addestramento della durata complessiva di 60 ore, nell’ambito del corso “Miglioramento qualitativo dei prodotti ittici”.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Premessa La Prof.ssa Anna Badiani ha tenuto, durante il secondo anno del CdL Specialistica in “Sanità e qualità dei prodotti di origine animale”, il corso “Miglioramento qualitativo dei prodotti ittici” ed ha deciso di suddividere il corso in una parte teorica sull‟analisi sensoriale e in una parte pratica sull‟addestramento degli studenti a ricoprire il ruolo di panellisti. Durante queste lezioni si sono valutati sensorialmente diversi prodotti ittici per apprenderne le differenze e poter così determinare il loro flavour profile; durante l‟assaggio di questi prodotti, nella mia mente si è materializzata l‟idea di andare a caratterizzare un piatto tipico della costa adriatica, il BRODETTO. Successivamente si è pensato di “lavorare” su questo piatto, analizzarne sensorialmente alcune tipologie, stabilirne le eventuali differenze per poi scriverne le rispettive degustazioni; è nata così la mia dissertazione di laurea.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Medicina Veterinaria

Autore: Marzia Righetti Contatta »

Composta da 171 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 405 click dal 06/05/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.