Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il trattato di pace di Parigi che pone fine al secondo conflitto mondiale risvolti per la Sicilia: L’art. 16

Il 2 settembre 1945 la guerra finisce, perciò si pongono all’attenzione delle potenze i problemi della pace. Nei numerosi contatti, a diversi livelli le intese e le volontà erano state tante e acconsentite all’unanimità, ora, si trattava di raccoglierne i frutti e dare il via all’attuazione dei contenuti di Dichiarazioni, impegni e intese.
Inizia un periodo di lavori per la preparazione dei trattati di pace che avrebbero ordinato e regolato la situazione dei vinti e la posizione dei vincitori.
Il 29 luglio del 1946 si inaugura a Parigi la “Conferenza dei Ventuno” per discutere dell’organizzazione del mondo dopo la guerra.
Tutti gli Stati coinvolti nel conflitto saranno oggetto di condizioni, vincoli e obblighi, ma in questo testo si considererà esclusivamente la situazione dell’Italia, tra l’altro alquanto particolare per la sua duplice posizione, prima forza dell’Asse, con Germania e Giappone, e poi accanto agli Alleati. Quindi paga o riscuote?
L’Italia da che parte sta?
Qualcheduno illudendosi, pensava tra i vincitori, la realtà la vuole tra i vinti ed il “Trattato di Parigi” è la scotto da pagare. L’inganno è dato dal fatto che continuiamo a chiamarlo Trattato di Parigi, certo lo hanno chiamato Diktat, che indica un “Trattato di pace imposto a condizioni sfavorevoli” ma un Trattato non è un’imposizione neanche quando le condizioni sono dure, ed il discusso Trattato di Parigi non è stato né discusso né contrattato quindi sarebbe più grammaticalmente corretto chiamarlo l’editto di Parigi o la sentenza, o, il giudizio, di Parigi, in ogni modo, oltre all’ortografia, rispetterebbe il sangue e l’intelligenza degli Italiani. Ma… dacché il mondo è mondo la legge del mare “pesce grande mangia pesce piccolo”, è sempre applicabile, ed in questo caso lo squalo balena non era certo l’Italia.
Per onor di verità dobbiamo dire che gli italiani hanno provato a trattare, illusi di stare al tavolo dei vincitori, ma erano al banco degli imputati e dovevano subire.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Per alcuni storici la Seconda Guerra Mondiale è la continuazione della Prima Guerra Mondiale 1 . Lo scontento per gli esiti di essa, era ancora vivo. Pochi tedeschi, dopo la pace di Versailles, avevano accettato le dure condizioni imposte dagli Alleati, a causa delle quali la Germania entrò in un periodo di depressione economica, contrassegnato da un'incontrollabile inflazione e da una vasta disoccupazione. Quasi nessun tedesco si era rassegnato all’occupazione francese della Saar e della Renania; alla perdita della Slesia sud-occidentale; di parte della Pomerania e della città di Danzica, attribuite alla Polonia; come pure, non erano accettate le costose riparazioni di guerra, richieste soprattutto dalla Francia. La Germania è sicuramente la principale nazione sconfitta e il suo desiderio di riscatto, favorisce l’ascesa di Hitler al potere. Adolf Hitler, studente di scarse qualità, nasce in Austria nel 1889. All’età di venticinque anni si trasferisce a Monaco e quando scoppia la prima guerra mondiale (1914-1918), si arruola come volontario nell'esercito bavarese. 1 Combattuta tra il 1914 e il 1918 da ventotto nazioni, raggruppate in due schieramenti: le Potenze Alleate, (Gran Bretagna, Francia, Russia, Italia e Stati Uniti) e gli Imperi Centrali (Germania, Austria, Ungheria, Turchia e Bulgaria).

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Maria Cordaro Contatta »

Composta da 120 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 408 click dal 03/05/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.