Skip to content

Il cibo nella letteratura per l'infanzia

Informazioni tesi

  Autore: Rachele Grassi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze della Formazione Primaria
  Relatore: Flavia Bacchetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 214

L’idea del mio progetto di tesi nasce dalla consapevolezza della essenzialità delle fiabe nella costruzione dell’identità del bambino. Il loro linguaggio semplice e la rassicurante distinzione tra bene e male, infatti, permette un’immedesimazione immediata e genuina, nonché un accoglimento dei significati e dei contenuti veicolati dalla storia. Attraverso la fiaba, quindi, è simbolizzata la natura problematica della vita, senza però che vi siano imposti determinati atteggiamenti o determinate scelte. La fiaba suggerisce. Le storie, però, sono imbevute dell’umore della gente e della terra che le ha prodotte, per questo ne riflettono il modo di vivere, di pensare, di lavorare e, naturalmente, di mangiare. Il cibo, quindi, è il principale punto di contatto tra la nostra realtà e il mondo immaginario che è rappresentato nelle storie. E’ l’elemento concreto che rende la storia più plausibile, più verosimile al lettore o all’ascoltatore, permettendo che la fiaba aderisca meglio alla sua realtà. Per questo ho analizzato ed approfondito il rapporto che lega indissolubilmente il cibo alla letteratura, concentrandomi sulle progressive rappresentazioni della sfera alimentare nel panorama della letteratura per l’infanzia, partendo dalle fiabe classiche per arrivare fino alle storie moderne.
Appare chiaro che il cibo segue l’evoluzione della società, così come ha sempre fatto la letteratura ed il loro rapporto è irrinunciabile, perché l’uno esige l’altra, e viceversa, per essere rappresentati. La letteratura rappresenta il cibo, che rappresenta la società, che è testimoniata nella letteratura, in un rapporto serratissimo che non è prescindibile. Questo percorso, quindi, mi ha dimostrato come la letteratura per l’infanzia, non sempre considerata prodotto degno di nota nel corso della storia, non debba essere sottovalutata e possa, invece, essere letta ed interpretata come fonte d’informazione storico-sociale e d’ispirazione per un’interpretazione delle dinamiche psicologiche che percorrono una specifica realtà.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 INTRODUZIONE Il contatto maggiore fra la nostra realtà e quella del mondo fiabesco è dato dal cibo. Anche quando è orripilante o disgustoso, rimane comunque un sottofondo, che consente un certo intenso legame fra noi e loro. La citazione del cibo permane sempre, anche perchØ l’ascoltatore o il lettore desidera poter contare su un punto di riferimento plausibile, che aiuti a digerire anche le assurdità del racconto principale. Spesso la sventura che dà origine al racconto è legata alla mancanza di cibo: le fiabe sono affollate di padri che non sanno come sfamare i figli, di madri che, con crudele realismo, ne propongono l’allontanamento dalla famiglia; di poveri che chiedono un tozzo di pane, di viandanti in cerca di osterie, di occhi affamati, di streghe voraci, di re mangioni. Fame ed eccessi gastronomici rappresentano, nella realtà e, dunque, nelle fiabe, due poli opposti dell’esistenza. Questo rapporto così intenso, praticamente inscindibile, ha suscitato il mio interesse, perchØ la realtà e la fiaba si congiungono nella rappresentazione del cibo ed insieme evolvono, si modificano l’uno con l’altro, si autoinfluenzano. “L’uomo è ciò che mangia”, scrisse quasi centocinquanta anni fa il filosofo Ludwig Feuerbach, ed il suo aforisma ebbe una straordinaria fortuna, fin quasi a diventare un luogo comune. La questione è che la simbiosi uomo/cibo non è, infatti, unilaterale, nØ di natura semplicemente meccanica. Ogni comportamento alimentare ha un valore, un senso ben preciso. Ogni alimento è un discorso, una comunicazione a se stessi e agli altri. Quel valore, quel senso nasce talvolta dal cibo, ma è sempre legato alla cultura degli uomini che, insieme, lo consumano. La loro cultura è in

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi