Skip to content

Tracciabilità alimentare: il rapporto tra isotopi stabili come indicatore di provenienza geografica

Informazioni tesi

  Autore: Linda Carrino
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Agraria
  Corso: Scienze e tecnologie agrarie, agroalimentari e forestali
  Relatore: Paola Adamo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 36

Scandali alimentari e crescente preoccupazione da parte dei consumatori riguardo alle tematiche relative all'alimentazione hanno riportato alla ribalta i temi della tracciabilità alimentare e della provenienza geografica.
L'uso degli isotopi stabili come indicatori di provenienza geografica si è rivelato estremamente utile. Scopo di questo lavoro è stato studiare l’impiego degli isotopi stabili come indicatori di origine geografica degli alimenti. Particolare attenzione è stata portata all’utilizzo del rapporto tra gli isotopi stabili dello Stronzio (87Sr/86Sr). Sono stati analizzati nel dettaglio due esempi applicativi di tale rapporto per la definizione dell’origine geografica di vino e asparago.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 1. INTRODUZIONE I mercati sempre più globalizzati hanno reso lo scambio di merci più facile con il rischio consequenziale di aumento di frodi e scandali alimentari. Numerose sono state negli ultimi anni le questioni legate alla sicurezza alimentare che hanno evidenziato la necessità di una corretta tracciabilità alimentare. Svariati scandali hanno interessato le cronache recenti, come ad esempio il caso della diossina in polli, uova e suini in Belgio (da Repubblica del 23 luglio 1999), la mucca pazza (Encefalopatia spongiforme bovina), l‟influenza aviaria [HPAI A(H5N1)] e i numerosi batteri patogeni come la salmonella nei prodotti di origine animale. In tutti questi casi le conseguenze potevano essere contenute se adeguati sistemi di tracciabilità fossero stati adottati rendendo possibile l‟isolamento dei lotti contaminati ed evitando che anche alcune aziende “innocenti” fossero coinvolte negli scandali. Tali accadimenti hanno indotto un aumento dell‟interesse da parte dei consumatori nei confronti dell‟esatta origine degli alimenti. Sempre più spesso, il consumatore ritiene di tutelarsi scegliendo prodotti di una determinata area geografica, ritenendo che all‟origine si associno qualità, superiorità organolettica e sicurezza alimentare.Lo stesso produttore del resto può utilizzare a suo favore questo campanilismo alimentare utilizzando come strategia di marketing l‟unicità e/o la vera o presunta maggiore qualità del suo prodotto. A confermare questa tendenza il regolamento EU n.2081/92, recentemente aggiornato nel regolamento EU n.510/2006, ha adottato un quadro giuridico relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di origine dei prodotti agricoli, tutelando consumatori e produttori. Con il fine di verificare la provenienza degli alimenti e smascherare eventuali frodi, la tracciabilità alimentare è diventata materia di studio e di ricerca. A tale proposito ricordiamo il progetto TRACE, patrocinato dalla Commissione Europea nell‟ambito del sesto Programma quadro (EU-FP6), della durata di 5 anni, che si proponeva di “accrescere la fiducia dei consumatori nella genuinità degli alimenti, e di migliorare la salute e il benessere dei cittadini europei attraverso la completa tracciabilità lungo tutta la filiera alimentare”. Il progetto completato nel 2010 ha sviluppato metodi di analisi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

asparago marchfeld
elementi pesanti
frazionamento isotopico
irms
isotopi
notazione delta
provenienza
rapporto 87sr/86sr
stronzio 87
tracciabilità
vino

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi