Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Disturbi somatopsichici: il bambino asmatico nella relazione con la figura paterna

Il disturbo asmatico del bambino fa parte del corteo classico dei fenomeni psicosomatici. Le prime intuizioni della medicina psicosomatica di ritrovano nelle concezioni freudiane legate allo studio delle nevrosi, sviluppandosi poi lungo un percorso in cui si giunge a vedere la malattia come segno di una mancata coesione dell'identità, che trova le sue origini anche nella matrice relazionale. Lo sviluppo verso l'unità somatopsichica del bambino può venire ostacolato da una serie di elementi, quali le fantasie e i fallimenti genitoriali, che possono generare quel terreno favorevole per l'insorgere dei disturbi. Per quanto concerne l'asma infantile, una molteplicità di fattori risultano implicati nel suo determinismo: infezioni, allergia, fattori psicologici intrapsichici e relazionali. Le concezioni psicodinamiche fanno risalire il disturbo a conflitti che coinvolgono la diade madre-bambino; le prospettive sistemiche lo inseriscono all'interno di dinamiche familiari disfunzionali. Nel nostro panorama, un'attenzione particolare viene riservata alla figura paterna. Considerando i ruoli e le funzioni che essa viene a svolgere nell'ambito familiare, si delineano quelle caratteristiche che, sia a livello inconscio che relazionale, presentano i padri dei bambini asmatici, tenendo conto che parliamo di figure pur sempre inserite all'interno della più ampia relazione madre-padre-bambino. Il quadro ricavato dalla letteratura è infine confrontato con l'immagine fornitaci dalle parole di dieci pediatri intervistati. Alcune questioni precedentemente delineate, trovano qui un punto d'incontro.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE L�interesse per il campo della psicosomatica contiene in s� il desiderio di esplorare le intricate connessioni corpo-mente. Esse rimandano alla possibilit� che un disagio psicologico trovi una sua via di manifestazione anche nel corpo biologico. Lo psicologo sar� allora indotto ad interloquire con un linguaggio per lui inusuale cos� come, d�altra parte, il medico dovr� tener conto di una dimensione che non � esplorabile con le sue abituali tecniche. Le prime intuizioni della medicina psicosomatica, si possono ritrovare nella concezione freudiana di isteria di conversione e di nevrosi d�angoscia. Coloro che rimasero aderenti al pensiero di Freud, svilupparono una concezione del disturbo psicosomatico considerato come simbolizzazione di un conflitto inconscio. D�altra parte, allontanandosi da questa posizione, si giunse a vedere la malattia come segno di una mancata coesione dell�identit�, che trovava le sue origini anche nella matrice relazionale. All�interno di questo campo enigmatico, la nostra attenzione si � focalizzata sul disturbo asmatico del bambino, disturbo peraltro facente parte del corteo classico dei fenomeni psicosomatici. Le concezioni psicodinamiche dell�asma infantile fanno risalire il disturbo a conflitti che coinvolgono la diade madre-bambino; le prospettive sistemiche lo inseriscono all�interno di dinamiche familiari disfunzionali. Diversi studi hanno poi cercato di trovare una presunta personalit� del bambino asmatico, che potesse rendere conto del suo disturbo. La nostra prospettiva, inserita all�interno di un�ottica relazionale, ha posto una particolare attenzione a quell�elemento della triade familiare che, nella

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Alessandra Natale Contatta »

Composta da 171 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4675 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.