Skip to content

La tutela dei diritti fondamentali in Sudafrica

Informazioni tesi

  Autore: Flavia Meconi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Salvatore Bonfiglio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 200

I diritti umani sono quelle libertà e diritti fondamentali di cui ogni persona – per la semplice motivazione di esistere come essere umano – gode ed il cui godimento non può essere cessato in quanto si tratta di diritti inalienabili.
I diritti naturali in Sudafrica non hanno mai ricevuto protezione prima della transizione democratica del 1994. Un primo riconoscimento ufficiale, oltre alla Freedom Charter dell’ANC, è stato dato dalla Costituzione ad interim al Capitolo III: ad oggi, i diritti sono contenuti in quello che viene indicato come il Bill of Rights sudafricano, il Capitolo II della Costituzione. Si tratta della pietra miliare della democrazia in Sudafrica e ovviamente, trattandosi di una Costituzione rigida, non può essere modificato se non tramite una maggioranza qualificata.

La Corte Costituzionale è il principale strumento per la tutela dei diritti fondamentali; creata nel 1994 con la Costituzione ad interim ha assunto il ruolo di più alta autorità legale nel Paese per le questioni costituzionali. Le sue decisioni non possono in alcun modo essere impugnate.
I compiti della Corte sono stabiliti al capitolo VIII della Costituzione: la sua iurisdictio è limitata, in quanto la Corte si occupa unicamente delle materie costituzionali e della tutela dei diritti fondamentali di tutti gli esseri umani. Inoltre, questa ha in comune con tutte le Corti sudafricane il compito di sviluppare la Common Law per promuovere i diritti umani e controllare affinché le norme a cui è soggetto il Paese siano sempre in accordo con il Bill of Rights.

Le Equality Courts sono state istituite tramite il Promotion of Equality and Prevention of Unfair Discrimination Act allo scopo di tutelare colui il quale ritiene di essere stato vittima di discriminazione. Queste corti servono per facilitare il ricorso alla giustizia: chiunque può presentare un caso alla Corte, anche una persona non direttamente coinvolta dalla discriminazione. La giurisdizione della Corte riguarda discriminazioni ingiuste, discorsi per l’odio (razziale, etnico) e molestie, nate sulla base dei listed ground, ovvero gli elementi, elencati nell’art. 9 della Costituzione, che non possono essere in alcun caso usati come giustificazione per discriminare.

Oltre ovviamente ai diritti sanciti dalla Costituzione a tutela dell’eguaglianza (art.9), la normativa è stata implementata a livello parlamentare. Il Promotion of Equality and Prevention of Unfairs Discrimination Act, del 2000, cerca di affermare l’eguaglianza nella vita pubblica e privata. Fornisce una struttura all’interno della quale affrontare la discriminazione ingiusta, la vessazione e gli hate speech e lavora per la trasformazione della società sudafricana in linea con gli ideali espressi dalla Costituzione. Vieta la discriminazione ingiusta su tutte le basi, incluse le 16 motivazioni espressamente elencate all’art.9 della Costituzione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
- 4 - Introduzione Sebbene sia salito alla ribalta delle cronache in occasione dei Mondiali di calcio, il Sudafrica è sicuramente un paese che ha molti spunti da offrire per lavori di approfondimento. Certamente la sua storia recente è, a grandi linee, conosciuta, ma sono numerosi gli aspetti che rendono il Paese un caso di studio interessante, anche in materie diverse da quelle giuridiche o politologiche. Personalmente, la scelta di occuparmi del Sudafrica nasce non da una motivazione univoca, ma da una serie di queste. Innanzitutto, si tratta di un paese nuovo, che si è affacciato sullo scenario internazionale nella sua versione democratica solo a partire dalla metà degli anni novanta, nonostante una storia molto più lunga, nata addirittura agli albori dell‟umanità. Sicuramente si tratta di un paese dal potenziale molto elevato e il fatto stesso che sia ormai sempre più spesso presente sullo scenario internazionale è la riconferma della sua importanza. Importanza che si concretizza anche nello studio delle istituzioni e in un‟ipotesi di confronto con la realtà italiana nel modo di tutelare i diritti fondamentali dei cittadini (e non) dei due Paesi. La grande quantità di risorse del sottosuolo, oltre ad una storia coloniale diversa dalle altre realtà africane, hanno permesso al paese di collocarsi al vertice delle economie del continente e di affacciarsi ai mercati occidentali, tanto che il Paese è stato ammesso al G14 in qualità di Paese emergente, insieme a Cina, India, Brasile e Messico. Secondo alcuni, in realtà il Sudafrica è stato ammesso nell‟organizzazione più per motivazioni politiche – era l‟unico paese africano che poteva essere seriamente preso in considerazione – che per la sua reale forza economica. Dai dati del Cia World Factbook, in effetti, il paese risulta posizionato al 26° posto, sebbene sia da notare come la ricchezza sia decisamente male ripartita tra la popolazione, tanto che la popolazione che vive sotto la soglia della povertà è circa il 50%. Un‟altra motivazione che mi ha spinto verso questo Paese è senza dubbio un‟esperienza fatta presso le Nazioni Unite dove mi sono trovata a dover

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi