Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La scrittura ipermedia di Niccolò Ammaniti

Questa tesi nasce dal tentativo di esplorare l’universo dell’odierna narrativa italiana, alla luce dei mutamenti linguistici avvenuti negli ultimi decenni.
Spinta dall’entusiasmo per gli studi linguistici, da un lato, e dalla passione per la letteratura e la scrittura, dall’altro, mi sono chiesta quanto la trasformazione linguistica abbia influito sulla narrativa contemporanea e quanto siano riscontrabili in essa i tratti salienti di tale cambiamento.
Partendo da una sintesi del quadro narrativo delineatosi dagli anni ’90 del XX secolo, epoca di “iniziazione” letteraria dell’autore di cui mi occupo, Niccolò Ammaniti, il primo capitolo ripercorre brevemente il sentiero mediante il quale la lingua italiana si è trasformata in una “lingua media” o ancor più “ipermedia”.
Il secondo capitolo costituisce la doverosa presentazione di uno scrittore che, con la lingua e lo stile delle proprie opere, sembra rientrare pienamente nell’espressione che fa da titolo al mio elaborato.
Il terzo capitolo, infine, rappresenta il centro vitale del mio lavoro. Tenendo conto dei risultati linguistici ottenuti da Francesco Sabatini negli anni ’80 e dell’esame linguistico condotto sulla narrativa da Giuseppe Antonelli negli ultimi anni, ho operato un’indagine empirica sul romanzo Io non ho paura di Niccolò Ammaniti. Nell’ultimo capitolo vengono quindi presentati i risultati di un lavoro analitico sulla lingua impiegata nel testo, mostrando quanti e quali fenomeni la scrittura narrativa tende ad ereditare dall’oralità e dalla “lingua di ogni giorno”, scritta e parlata. A dimostrazione di ciò, vengono sovente illustrati degli esempi tratti dal romanzo.
L’analisi linguistica da me condotta consiste nella ricerca dei fenomeni di morfosintassi, sintassi, testualità, lessico e stile sulla base di una griglia tratta da un adattamento di Sabatini 1985.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Questa tesi nasce dal tentativo di esplorare l‟universo dell‟odierna narrativa italiana, alla luce dei mutamenti linguistici avvenuti negli ultimi decenni. Spinta dall‟entusiasmo per gli studi linguistici, da un lato, e dalla passione per la letteratura e la scrittura, dall‟altro, mi sono chiesta quanto la trasformazione linguistica abbia influito sulla narrativa contemporanea e quanto siano riscontrabili in essa i tratti salienti di tale cambiamento. Partendo da una sintesi del quadro narrativo delineatosi dagli anni ‟90 del XX secolo, epoca di “iniziazione” letteraria dell‟autore di cui mi occupo, Niccolò Ammaniti, il primo capitolo ripercorre brevemente il sentiero mediante il quale la lingua italiana si è trasformata in una “lingua media” o ancor più “ipermedia”. Il secondo capitolo costituisce la doverosa presentazione di uno scrittore che, con la lingua e lo stile delle proprie opere, sembra rientrare pienamente nell‟espressione che fa da titolo al mio elaborato. Il terzo capitolo, infine, rappresenta il centro vitale del mio lavoro. Tenendo conto dei risultati linguistici ottenuti da Francesco Sabatini negli anni ‟80 e dell‟esame linguistico condotto sulla narrativa da Giuseppe Antonelli negli ultimi anni, ho operato un‟indagine empirica sul romanzo Io non ho paura di Niccolò Ammaniti. Nell‟ultimo capitolo vengono quindi presentati i risultati di un lavoro analitico sulla lingua impiegata nel testo, mostrando quanti e quali fenomeni la scrittura narrativa tende ad ereditare dall‟oralità e dalla “lingua di ogni giorno”, scritta e parlata. A dimostrazione di ciò, vengono sovente illustrati degli esempi tratti dal romanzo. L‟analisi linguistica da me condotta consiste nella ricerca dei fenomeni di morfosintassi, sintassi, testualità, lessico e stile sulla base di una griglia tratta da un adattamento di Sabatini 1985.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Greta Giada Milici Contatta »

Composta da 65 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2611 click dal 11/05/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.