Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'irrazionalità delle decisioni in sistemi di monete complementari: ''Caso Sardex.net''

La tesi si è posta come obiettivo principale quello di analizzare i fattori decisionali che hanno influito la composizione del network di imprese che compongono un circuito di moneta complementare nato nella regione Sardegna. La prima parte si è concentrata in un analisi delle caratteristiche principali e del funzionamento dei sistemi di moneta complementare presenti nel mondo, analizzando, inoltre alcuni degli esempe più significativi. in seguito il corpo fondamentale del lavoro si è proposto di analizzare i fattori non razionali delle decisioni e la loro influenza sui processi decisionali in un'organizzazione; in particolar modo focalizzando l'attenzione sulle decisioni emozionali, le decisioni intuitive, la fiducia e il suo ruolo nel processo decisionale, l'identificazione nell'organizzazione e come la sua intensità influisce sui processi decisionali organizzativi.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione L’ultima tremenda crisi finanziaria mondiale ha inferto un duro colpo prima di tutto al sistema finanziario internazionale, e di seguito si è tramutata in una crisi reale delle imprese senza precedenti nell’economia moderna. Il sistema monetario internazionale è considerato un dogma indiscutibile, eppure negli ultimi cento anni sono state contate ben 187 crisi monetarie, e ciò agli occhi dei più critici risulta evidente che questo sistema con un'unica moneta in circolazione è nato con un difetto di fabbrica. Alcuni economisti hanno dunque appoggiato la teoria della presenza di più monete in uno stesso territorio, ognuna che svolge la propria funzione specifica, ma tra loro interagenti e complementari. Ciò sta già avvenendo e non da pochi anni in tutto il territorio internazionale, infatti nel mondo esistono ben quattrocento circuiti riuniti nell’associazione internazionale di scambio reciproco, coinvolgendo in questi mercati chiamati complementari, ben 600.000 imprese. Anche in Sardegna recentemente è nato un mercato che utilizza come strumento per gli scambi una moneta complementare, ed è gestito da un organizzazione che ha creato il circuito Sardex.net. Da un’analisi più approfondita di alcuni sistemi monetari complementari presenti in tutto il mondo, ma soprattutto indagando sul sistema sorto all’interno della regione Sarda, sono emersi degli aspetti che rendono questi meccanismi diversi dal mercato tradizionale che tutti siamo abituati a conoscere. Nello specifico del seguente lavoro si è voluto indagare su quelli che sono i meccanismi decisionali che emergono in un circuito con queste caratteristiche, su quali sono gli elementi che entrano in gioco nel momento topico decisionale, nello specifico i fattori che influenzano e guidano la scelta finale degli imprenditori sardi nella decisione relativa al loro ingresso nel circuito di moneta complementare. L’obbiettivo della tesi è quello di individuare a seguito di indagini e analisi sul campo quali sono i fattori che influenzano le decisioni nella costruzione del network di imprese del circuito Sardex.net, analizzarli singolarmente individuando le loro caratteristiche principali, e il loro ruolo all’interno del processo decisionale. Come emergerà dal seguente lavoro oltre a decisioni di tipo razionale, avranno e hanno avuto un peso importante i fattori irrazionali nella costruzione del network di imprese, e su questi si focalizzerà il lavoro, in particolare sui fattori emotivi, fiduciari, identificativi e intuitivi della decisione.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Simone Saba Contatta »

Composta da 79 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5387 click dal 12/05/2011.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.