Skip to content

Ruolo del gene accessorio Vpr-Like nella virulenza e nella replicazione del virus dell’ Artrite Encefalite Caprina

Informazioni tesi

  Autore: Simone Lanfredini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Interfacoltà di Biotecnologie
  Corso: Biotecnologie veterinarie
  Relatore: Elena Grego
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 32

I lentivirus ovi-caprini SRLV appartengono al genere lentivirus, famiglia Retroviridae e causano infezioni persistenti e malattie croniche debilitanti nelle pecore e nelle capre di tutto il mondo . I SRLV vengono suddivisi, sulla base della sintomatologia clinica, nel virus dell’Artrite Encefalite Caprina (CAEV) e nel virus Maedi-Visna (MVV). Il CAEV si può manifestare con disturbi a carico neurologico, negli esemplari giovani, e con problemi articolari in quelli più adulti. Il MVV si può presentare nella forma maedi in cui si evidenziano principalmente disturbi polmonari e nella forma visna caratterizzata da un’encefalite demielinizzante. I SRLV comprendono 4 cluster filogenetici: il Maedi Visna Virus (MVV) appartenente al genotipo A, il virus dell'Artrite Encefalite Caprina (CAEV) appartenente al genotipo B, il genotipo C isolato in Norvegia da capre con artrite carpica e il genotipo D identificato in Svizzera e Spagna. Le analisi filogenetiche condotte in Italia negli ultimi anni mostrano chiaramente l’assenza di barriere di specie tra gli stipiti ovini e caprini di SRLV, infatti i sottotipi precedentemente identificati solo nella pecora sono stati osservati nelle capre (come il sottotipo A1, A8, A9) e viceversa (B1, B2).
Il genoma è costituito da tre geni essenziali, gag, pol e env, i lentivirus possiedono un numero variabile di geni accessori e regolatori, di cui la maggior parte è situata tra la fine di pol e l’inizio di env. Il più complesso di questi virus, HIV tipo 1, presenta tre geni regolatori tat, rev e vif, e tre geni accessori vpu, vpr e nef. Negli ultimi anni è aumentato molto l’interesse per l’ORF, presente nel genoma dei lentivirus dei piccoli ruminanti, che codifica per la proteina regolatrice inizialmente chiamata “Tat”. Il nome Tat è stato assegnato sulla base dell’analogia di posizione con l’ORF presente nel genoma dei lentivirus dei primati. Recenti ricerche si sono focalizzate sullo studio della localizzazione cellulare, delle caratteristiche geniche e della capacità di trans-attivazione del promotore LTR della proteina Tat SRLV. I risultati sono stati in seguito confrontati con quelli ottenuti, nelle stesse condizioni sperimentali, con la proteina Tat del più noto lentivirus umano HIV-1.
Da questo confronto si è andato a delineare il fatto che le due ORF esprimessero due proteine diverse per struttura, per localizzazione cellulare e per funzione primaria; fino al poter affermare che ORF presente nel genoma dei SLRV non fosse più associabile alla proteina Tat dell’HIV ma che fosse riconducibile alla proteina accessoria Vpr. Risulta quindi importante valutare e riunire tutte le funzioni e le caratteristiche di questa proteina attualmente rinominata Vpr-like soprattutto alla luce della recente scoperta di un nuovo genotipo presente nel territorio italiano che risulta naturalmente deleto del gene Vpr preso in considerazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione: Il Virus dell‟Encefalite Artrite Caprina (CAEV) e Maedi-Visna Virus (MVV) rappresentano l‟eterogeneo gruppo dei lentivirus ovi-caprini. Il genere lentivirus della famiglia Retroviridae include RNAvirus associati a molteplici malattie che colpiscono l‟uomo e altri mammiferi: i primati (virus dell‟immunodeficienza umana [HIV] e virus dell‟immuno deficienza delle scimmie [SIV]); i carnivori (virus dell‟immunodeficienza felina); gli ungulati (equine infectious anemia virus [EIAV], virus dell‟immunodeficienza bovina (BIV) e i lentivirus dei piccoli ruminanti [SRLV]). Il genoma dei lentivirus è costituito da tre geni essenziali, gag, pol e env e possiedono un numero variabile di geni accessori e regolatori, di cui la maggior parte è situata tra la fine di pol e l‟inizio di env. Il più complesso di questi virus, HIV, presenta tre geni regolatori tat, rev e vif, e tre geni accessori vpu, vpr e nef (Villet et al. 2003, Virology 77).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

vpr-like
gene vpr-like
artrite encefalite caprina

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi