Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Acciai innovativi per l’industria automobilistica: relazione tra cicli termici e meccanici, microstruttura e proprietà di impiego

Il lavoro di tesi presenta un duplice scopo, da un lato si focalizza sulla caratterizzazione strutturale e meccanica di un acciaio altoresistenziale di composizione opportuna sottoposto al trattamento termico innovativo di “Quenching & Partitioning” al fine di valutare l’efficacia dello stesso; dall’altro prevede la costruzione delle curve CCT di un acciaio di composizione differente, necessarie alla determinazione dei parametri di processo, in basi ai quali realizzare il trattamento di tempra e partizione.
Gli acciai sottoposti al processo Q&P costituiscono attualmente la tipologia più avanzata di AHSS (Advanced High Strenght Steels), sono ancora in fase sperimentale ma presentano grandi potenzialità applicative, specie nel settore automobilistico. Si attribuisce la forza di questa classe di materiali alla possibilità di combinare una resistenza a trazione superiore ai 1200 MPa con una buona deformabilità, ottenuta senza l’impiego di elementi di lega costosi, ma mediante un trattamento termico particolare, con il quale si ottiene la presenza a temperatura ambiente di una certa quantità di austenite residua stabilizzata.
Impiegando gli acciai Q&P sarebbe possibile produrre componenti con proprietà meccaniche elevate a costi minori, dotate al contempo di una superiore resistenza specifica; in questo contesto si assicurerebbe la stessa resistenza a fronte di una minore massa di materiale impiegato, diminuendo il peso del veicolo con impatto positivo sui consumi e le emissioni di anidride carbonica.
La tesi è stata svolta in collaborazione tra il Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale - Sezione di Chimica inorganica e Metallurgia dell’Università di Genova ed il Gruppo Riva, in particolare presso lo stabilimento Riva Acciaio di Lesegno (CN). La ricerca si colloca nell’ambito di un progetto MIUR nazionale, al quale partecipano, oltre all’Ilva S.p.a e la FIAT come partner industriale, altri enti universitari italiani (Politecnico di Milano e Torino, Università di Pisa e Brescia).

Mostra/Nascondi contenuto.
PATTARINO MARCO 4 1. INTRODUZIONE 1.1 Argomento ed obbiettivo della tesi Il lavoro di tesi presenta un duplice scopo, da un lato si focalizza sulla caratterizzazione strutturale e meccanica di un acciaio altoresistenziale di composizione opportuna sottoposto al trattamento termico innovativo di “Quenching & Partitioning” al fine di valutare l’efficacia dello stesso; dall’altro prevede la costruzione delle curve CCT di un acciaio di composizione differente, necessarie alla determinazione dei parametri di processo, in basi ai quali realizzare il trattamento di tempra e partizione. Gli acciai sottoposti al processo Q&P costituiscono attualmente la tipologia più avanzata di AHSS (Advanced High Strenght Steels), sono ancora in fase sperimentale ma presentano grandi potenzialità applicative, specie nel settore automobilistico. Si attribuisce la forza di questa classe di materiali alla possibilità di combinare una resistenza a trazione superiore ai 1200 MPa con una buona deformabilità, ottenuta senza l’impiego di elementi di lega costosi, ma mediante un trattamento termico particolare, con il quale si ottiene la presenza a temperatura ambiente di una certa quantità di austenite residua stabilizzata. Impiegando gli acciai Q&P sarebbe possibile produrre componenti con proprietà meccaniche elevate a costi minori, dotate al contempo di una superiore resistenza specifica; in questo contesto si assicurerebbe la stessa resistenza a fronte di una minore massa di materiale impiegato, diminuendo il peso del veicolo con impatto positivo sui consumi e le emissioni di anidride carbonica. La tesi è stata svolta in collaborazione tra il Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale - Sezione di Chimica inorganica e Metallurgia dell’Università di Genova ed il Gruppo Riva, in particolare presso lo stabilimento Riva Acciaio di Lesegno (CN). La ricerca si colloca nell’ambito di un progetto MIUR nazionale, al quale partecipano, oltre all’Ilva S.p.a e la FIAT come partner industriale, altri enti universitari italiani (Politecnico di Milano e Torino, Università di Pisa e Brescia).

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Marco Pattarino Contatta »

Composta da 101 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 438 click dal 20/07/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.