Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le forme di femminismo nell'Egitto del XX secolo

La presente tesi è volta a descrivere e spiegare il fenomeno del femminismo in Egitto e, in particolare, delle forme e delle prospettive che ha assunto nel corso del XX secolo. Il Novecento, infatti, ha visto la nascita in tutto il Medio Oriente di movimenti di donne, decise a rivendicare maggiori diritti e ruoli per se stesse e in ciò l’Egitto ha avuto il ruolo di pioniere. Lì, infatti, prima che altrove nel mondo arabo, i processi di modernizzazione e secolarizzazione e i contatti sempre più frequenti con i paesi occidentali crearono nel corso dell’Ottocento condizioni favorevoli per l’insorgenza di un discorso pubblico sulla donna e, conseguentemente, per la nascita di un vero e proprio movimento femminista.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE La presente tesi è volta a descrivere e spiegare il fenomeno del femminismo in Egitto e, in particolare, delle forme e delle prospettive che ha assunto nel corso del XX secolo. Il Novecento, infatti, ha visto la nascita in tutto il Medio Oriente di movimenti di donne, decise a rivendicare maggiori diritti e ruoli per se stesse e in ciò l‟Egitto ha avuto il ruolo di pioniere. Lì, infatti, prima che altrove nel mondo arabo, i processi di modernizzazione e secolarizzazione e i contatti sempre più frequenti con i paesi occidentali crearono nel corso dell‟Ottocento condizioni favorevoli per l‟insorgenza di un discorso pubblico sulla donna e, conseguentemente, per la nascita di un vero e proprio movimento femminista. Se già verso la fine dell‟Ottocento esistevano testimonianze di una certa sensibilità femminista, specie fra le egiziane di ceto medio- alto, da un punto di vista linguistico il fenomeno nacque nel 1909 grazie ad una raccolta di articoli e saggi della scrittrice Malak Hifni Nassef che, sotto lo pseudonimo di Bahithat al-Badiya, denunciò la necessità di migliorare le condizioni delle donne, attraverso nuove opportunità di studio e lavoro e il recupero delle libertà garantite dal Corano. Il titolo di quest‟opera era Al-Nisaiyat, la cui radice (nisai) rimandava a qualcosa prodotto dalle o relativo alle donne. I contenuti del testo chiarivano la posizione della scrittrice e lo stampo femminista del suo messaggio. 1 Occorre considerare che, nel corso del presente lavoro, ho utilizzato il termine “femminismo” in duplice maniera: da un lato, in senso letterale, in riferimento ai movimenti e iniziative intrapresi dalle donne in favore delle donne; talvolta sono state le egiziane stesse a usare il termine “femminista” per descrivere il proprio approccio e i propri propositi, talaltra sono state le teoriche e le studiose del femminismo egiziano a definire in quei termini l‟operato di quelle donne. Dall‟altro lato, ho utilizzato la parola in senso metaforico e quindi in riferimento a tutte le realtà satellite che hanno giocato un ruolo importante durante l‟esperienza femminista, come quelle che analizzerò in seguito. Da un punto di vista storico, la nascita di un vero e proprio femminismo, visibile e organizzato, coincise con l‟istituzione dell‟Egyptian Feminist Union (EFU) nel 1923. Attraverso questa associazione, le egiziane intrapresero una strenua lotta contro quelle disparità in ambito pubblico e privato che le ponevano in condizioni 1 Margot Badran e Miriam Cooke (a cura di) Opening the Gates:a Century of Arab Feminist Writing, Bloomington, Indiana University Press, 1990, pp.XVII- XVIII.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Stefania Lobascio Contatta »

Composta da 63 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2308 click dal 13/05/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.