Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il metodo di Romana per la definizione del grado di stabilità dei pendii in roccia

La prima parte è generale sulla stabilità dei pendii e sui possibili cinematismi dei pendii in roccia. Poi c'è un elenco dei vari metodi di classificazione dei pendii in roccia, tra cui il metodo di Romana. L'ultima parte è applicativa del metodo di Romana con gli eventuali metodi per la messa in sicurezza dei pendii ritenuti instabili con tale metodo.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione INTRODUZIONE Lo studio della stabilità di un versante o di un fronte di scavo in roccia comporta innanzitutto la definizione di un modello geomeccanico in grado di descrivere compiutamente sia le modalità di manifestarsi che le cause delle potenziali instabilità, in termini di cinematismi e di azioni instabilizzanti, sia i meccanismi di resistenza intrinseci del materiale coinvolto, in grado di contrastare la perdita di equilibrio statico. In altre parole, per ogni potenziale cinematismo occorre definire le azioni e le resistenze in gioco per analizzare, prevedere ed eventualmente prevenire e contrastare la perdita di stabilità. A tal fine un ammasso roccioso può essere definito come un insieme di blocchi isolati di matrice rocciosa aventi geometria individuata dalle discontinuità di diverso tipo che li separano. La matrice rocciosa si può definire come la porzione di materiale roccia, o roccia intatta, che costituisce i blocchi separati dalle discontinuità. La discontinuità è invece un qualunque piano di origine meccanica o sedimentaria che isola o separa i blocchi di matrice rocciosa. Il considerare la matrice rocciosa, oppure le discontinuità, oppure l’ammasso nella sua globalità dipende dalla scala del problema da affrontare. Se il volume di ammasso roccioso significativo nell’ambito del problema di stabilità considerato è esteso, ad esempio se si analizza un intero versante, il suo comportamento è governato dall’insieme combinato dei giunti e della matrice. Invece a scale un po’ più piccole nella valutazione della stabilità può assumere maggiore significato la presenza dei giunti. Ad una scala ancora più piccola, come può essere quella del

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Amelia Saulle Contatta »

Composta da 91 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 824 click dal 16/05/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.