Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Li Xianglan e le sue identità

Questo lavoro è dedicato alla vita di una delle più grandi cantanti della Yellow Music ancora in vita: Li Xianglan (Yamaguchi Yoshiko). La sua esistenza ha attraversato uno dei periodi storici più complessi della storia cinese e giapponese. Inoltre, attraverso la sua voce ed i suoi film, è stata la compagna di tante vite che hanno subito il tragico conflitto sino-giapponese del 1937 e della seconda Guerra Mondiale. Cosa la rende però, più interessante rispetto alle altre sue colleghe, osannate dive della moderna Shanghai degli anni'30? Per capire questo aspetto,la tesi inizia la sua analisi su due aspetti paralleli: il primo è un breve studio dello sviluppo cinematografico cinese, ed il secondo è l'inizio delle mire espansionistiche del Giappone in Manciuria, regione natia di Li Xianglan. Li naque nel 1920 da genitori giapponesi, ma venne educata e cresciuta come una bambina cinese per volere del padre, uno stimato sinologo che da anni risiedeva in Cina. Per questa ragione Li non crebbe nè con il tipico nazionalismo nipponico nè con il continuo timore di aggressione dei cinesi, ma si trovò in un eterno conflitto personale tra due diverse ideologie nazionaliste che non le appartenevano. Purtroppo questa sua condizione di amore e rispetto per entrambi i paesi, era inconciliabile con il sentire del suo tempo e per ciò, visse sotto falsi nomi dai tempi della scuola fino alla fine della sua carriera a Shanghai. Nel 1945 la sua vera nazionalità venne scoperta, compresa la sua collaborazione con il governo giapponese. Per questo motivo venne arrestata con l'accusa di tradimento, unita all'accusa di aver interpretato dei film propagandistici nipponici. In seguito, grazie alla collaborazione di Kawakita Nagasama, venne riconosciuta la sua vera nazionalità ma fu costretta a trasferirsi in Giappone. Da allora la sua carriera andò avanti ma non usò mai più il nome di Li Xianglan. Oggi è meglio conosciuta come Otaka Yoshiko, giornalista, politica giapponese e vicepresidentessa del Fondo per le Donnne Asiatiche. Instancabile promotrice di riforme ed attività volte alla riappacificazione diplomatica tra la sua amata Cina ed il Giappone. Dopo lo studio della sua bibliografia, la mia tesi si conclude con l'analisi di questi film "propagandistici" e la traduzione di alcune canzoni più note.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Yamaguchi Yoshiko, Pan Shuhua, Li Xianglan, Sherley Yamaguchi ed Ōtaka Yoshiko. Per quanto possa apparire bizzarro, tutti questi nomi appartengono ad una sola persona, che al giorno d‟oggi è conosciuta come una delle sette dive della musica degli anni trenta di Shanghai. Questa celebrità, maggiormente nota come Li Xianglan, entrerà nel cuore dei cinesi cantando i danni della guerra dell‟oppio o riflettendo i sentimenti delle donne cinesi che, durante gli anni della guerra sino-giapponese del 1937, vivevano lontane dal proprio amato. In realtà, quasi nessuno è a conoscenza del fatto che questa donna ha vissuto quasi metà della sua vita costretta a celare la sua vera identità a causa delle sue origini nipponiche. Quando lei era una bambina, i conflitti tra il Giappone e la Cina erano veramente accesi e poco importava se era nata in territorio cinese, educata come una bambina cinese e non aveva mai visto il Giappone in vita sua. Per spiegare le ragioni di questa sua situazione di disagio, all‟inizio del primo capitolo, ho riassunto i principali avvenimenti storici occorsi in quegli anni. Allo stesso tempo, ho descritto la florida macchina cinematografica e musicale che esplose negli anni trenta a Shanghai, per poi passare all‟occupazione giapponese della città, fino alla fine della Seconda Guerra Mondiale. L‟aspetto principale su cui mi sono focalizzata, non è tanto ciò che accadde sui campi di battaglia o durante le rivolte anti-nipponiche, ma la battaglia mediatica che avvenne tra il Giappone e la Cina. Spiegato ciò, mi sono poi soffermata sulla particolare vita di Li Xianglan e del suo conflitto etnico interiore che si sciolse solo nel 1945. Appena il Giappone dovette abbandonare Shanghai ed i suoi studi cinematografici, lei venne arrestata con l‟accusa di aver recitato in film propagandistici nipponici, degradanti per la Cina. Provata la sua vera

Laurea liv.I

Facoltà: Studi Orientali

Autore: Luisa Calimera Contatta »

Composta da 56 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 442 click dal 16/05/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.