Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Traduzione e analisi culturale del romanzo ''La madre''

Nella presente tesi abbiamo presentato certi punti importanti sia sul romanzo che sulla traduzione in generale. Abbiamo mostrato i problemi e le teorie che affrontano tutti i traduttori e abbiamo anche provato di presentare le soluzioni possibili per risolverli. Traducendo il romanzo, abbiamo voluto affermare una tecnica particolare della traduzione ; ossia di trasmettere attraverso la nostra traduzione in arabo il senso, la trama, il paesaggio ed i concetti religiosi che la scrittrice voleva mostrar scrivendo il romanzo. Dopo aver finito la traduzione, abbiamo mostrato gli aspetti culturali trovati nel romanzo per far vivere il lettore dentro gli eventi come fossero reali davanti a lui.

Mostra/Nascondi contenuto.
21 A - Il lessico : 1 – " Anche lá dentro tutto tremolava per il vento che penetrava dalle fessure... " جهتتجعجً تترجذتتٔبوجٝتتزٌا ج ػبتتوهٌا جًتت فثجظ رهتتوجً ا تتٌاجٝتتفجبتتقوأج ٝتتعجًتتوجْبتتوٚ " قٛمغٌا "... Vediamo qui l'uso degli elementi della natura per mostrare lo stato d'animo dei personaggi,una tecnica narrativa tipica delle scritture deleddiane come spiega Licia Roncarati : ( Se qui il paesaggio ha una funzione...questa è proprio di accrescere la drammaticitá del racconto;la natura commenta,interpreta ed esprime il tormento dell'uomo) 1 . Qui " tutto tremolava " non solo dentro la cucina, ma anche dentro il cuore della madre che soffriva un conflitto interiore ; essendo madre, le piace che suo figlio si innamora di una donna come tutti i giovani, ma rispettando le leggi morali ha paura del peccato in cui stava per cadere suo figlio. La parola " vento " puó essere tradotta in arabo in due modi diversi : sia come " جػبتو " o come " جؼتو " ; la prima indica il vento che porta con sé qualcosa di bene, la seconda porta con sé qualcosa di male. In arabo non vi è qualsiasi forma di male allora abbiamo scelto la parola " جػبتو " come traduzione più adatta. 2 – " senza più darsi pena di smorzare il rumore delle sue scarpe da contadino..." "...ٓ ؽلافٌبثجػبخٌاجبٙ اذؽ جٓعجظربٌٕاجظ غقٌاجل فخزثجبٌٙبثجًرغرجْأجْٚ ج" Qui la scrittrice ci fa immaginare come sono i sardi e come si indossano. Deledda usa sempre i personaggi sardi come esempi per discutere problemi universali. É un uso fondamentale nella scrittura deleddiana, come ci spiega ancora Roncarati : ( abbia insomma voluto darci il ritratto...di una regione o di una civiltá anche se si esprime e si determina attraverso la vita e il 1 ج L.Roncarati,L'Arte di Grazia Deledda,Firenze-Messina,G.D'Anna,s.d.,p. 66.

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue straniere

Autore: Eslam Medhat Contatta »

Composta da 37 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5403 click dal 17/05/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.