Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Studio della configurazione ottimale di microfoni per la localizzazione di sorgenti sonore in presenza di riverbero.

La localizzazione di sorgenti sonore trova applicazione in ambiti che spaziano dal multimedia, a videoconferenze e speech recognition, sistemi di sorveglianza, per arrivare fino alla realizzazione di dispositivi biomedici (sistemi di percezione). In generale un buon sistema di localizzazione richiede un elevata accuratezza ed affidabilità, mantenendo al contempo velocità e rapidità di calcolo necessaria per un uso real-time. Nella tesi vengono in particolare affrontate le problematiche relative alla presenza di disturbi e cammini multipli del suono presenti in ambienti riverberanti. Varie configurazioni microfoniche sono state testate e confrontate variando il tempo di riverbero della stanza.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 Introduzione Capitolo 1 Introduzione 1.1 La localizzazione di sorgenti sonore e relative applicazioni La localizzazione di sorgenti sonore è stata argomento di ricerca fin dagli anni '70 ed una gran varietà di approcci è stata proposta ed applicata. Le possibili applicazioni spaziano dal multimedia, in particolare videoconferenze e speech recognition (riconoscimento di voce e comandi vocali)[1], a sistemi di sorveglianza, quali sonar e in generale sistemi di rilevamento della presenza di intrusi, per arrivare fino ad applicazioni nella produzione di dispositivi di tipo biomedico (sistemi di percezione), integrando tecniche di localizzazione sonora con tecniche di visione[2]. Attraverso la localizzazione sonora è possibile ottenere un segnale di alta qualità da una particolare locazione, attenuando simultaneamente altre voci o rumori: si parla in questo caso di acquisizione sonora selettiva. Tutto ciò viene fatto automaticamente senza che chi stia parlando debba tenere in mano o indossare microfoni e senza che sia richiesta nessun tipo di interazione umana con il sistema di acquisizione selettiva. É dunque possibile sia localizzare e seguire una sorgente in movimento (tracking) sia considerare uno scenario in cui vi siano sorgenti sonore multiple (multi-speaker) e focalizzare di volta in volta l'acquisizione sonora su 2

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Angelo Bacchini Contatta »

Composta da 83 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 843 click dal 06/06/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.