Skip to content

L'Italia fuori dall'Italia. La diaspora italiana tra ‘800 e ‘900 nelle Americhe

Informazioni tesi

  Autore: Marco Gandini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Sociologia
  Relatore: Maurizio Bergamaschi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 59

Bisogna innanzi tutto chiarire la figura del migrante; quando si immagina la diaspora italiana nel periodo dell’emigrazione di massa si pensa a gente povera, sporca, prostrata dal lungo viaggio, ricoperta da stracci e con valige di cartone che attraccano ad Ellis Island . Questa immagine è giustamente fedele a quella che fu la realtà di allora, e possiamo considerarla come punto di riferimento visivo di partenza. Le immagini di allora racchiudono storie, sentimenti, speranze che cercherò di far rivivere in questo mio elaborato, per cercare di descrivere la figura dell’ emigrante di allora.
Un luogo comune che lega l’emigrazione italiana in America la considera solamente come retaggio storico della popolazione del sud Italia; siculi e campani rappresentano nell’immaginario l’italiano emigrato agli inizi del ‘900.Questa considerazione è erronea per il semplice fatto che vi fu sì un emigrazione massiccia dal meridione, ma quella dell’ Italia settentrionale fu in eguale modo consistente. La differenza sostanziale è che gli abitanti del Piemonte, della Liguria, del Veneto e dell’ Italia centrale “preferirono” come destinazione l’America del Sud.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 1. Introduzione Trattare di migrazione significa affrontare una caratteristica presente nell‟ umanità fin dagli albori della nostra storia. Da sempre l‟uomo ha intrapreso grossi spostamenti per le più svariate ragioni: economiche, di sussistenza, per fini commerciali e per scappare da guerre e carestie. L‟uomo si è spostato da solo o in gruppo e con fini differenti; o per cercare stabilità permanente in un nuovo insediamento o per garantirsi una sussistenza migliore della precedente anche solo temporaneamente. Gli esseri umani sono emigrati per propria volontà, o contro la stessa. In questo ambito è utile ricordare la tratta degli schiavi provenienti dall‟Africa e diretti nel Nuovo mondo ad opera dei coloni europei; chiaro esempio di emigrazione forzata. Sono esistite emigrazioni, e tuttora esistono, per ragioni politiche; è questo il caso degli esuli politici costretti ad emigrare per scappare da situazioni politicamente avverse. Esistono emigranti stagionali, persone che si muovono sul continente per lavori temporanei; in ambito antropologico questo tipo di emigrazioni presentano pochi spunti di analisi in quanto non vanno a modificare in modo permanente i costumi, le tradizioni, e la storia della nazione ospitante. Esistono migrazioni interne ad una stessa Nazione, ed esistono migrazioni al di fuori dei propri confini nazionali. Il concetto fondamentale da considerare nel caso si voglia parlare di emigrazione è quello di trattarle come processi fluidi ed eterogenei. L‟emigrazione in sé presenta innumerevoli sfaccettature per quanto riguarda il singolo, il gruppo, le motivazioni insite, il periodo storico trattato, la spinta della terra di origine o l‟attrazione di quella ospitante. “Le migrazioni vanno inquadrate come processi, in quanto dotate di una dinamica evolutiva che comporta una serie di adattamenti e di modificazioni nel tempo, e come sistemi di relazioni che riguardano le aree di partenza, quelle di transito e quelle infine di destinazione, coinvolgendo una pluralità di attori ed istituzioni” (Ambrosini; 2005: 17). Bisogna innanzi tutto chiarire la figura del migrante; quando si immagina la diaspora italiana nel periodo dell‟emigrazione di massa si pensa a gente povera, sporca, prostrata dal lungo viaggio, ricoperta da stracci e con valige di cartone che attraccano ad Ellis Island . Questa immagine è giustamente fedele a quella che fu la realtà di allora, e possiamo considerarla come punto di riferimento visivo di partenza. Le immagini di allora racchiudono storie, sentimenti, speranze che cercherò di far rivivere in questo mio elaborato, per cercare di descrivere la figura dell‟ emigrante di allora.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi