Skip to content

Rappresentazione visiva per la pianificazione e il controllo dell'azione

Informazioni tesi

  Autore: Azzurra Amadei
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia Sperimentale
  Relatore: Corrado  Caudek
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 89

La visione binoculare fornisce importanti vantaggi per la pianificazione e il controllo di movimenti per il raggiungimento di oggetti (reach-to-grasp). Nel presente lavoro si mettono a confronto due tipi di modelli preminenti per questo tipo di azioni guidate visivamente: modelli metrici (Ernst et al., 2002; Landy et al., 1995; Milner, 1992) e modelli non-metrici (Thaler et al., 2010; Domini et al., 2003; Bingham et al., 2000; Tittle et al., 1995). In base al primo approccio teorico, l'esecuzione dei movimenti di prensione e puntamento richiede la ricostruzione dello spazio metrico e il successo del compito dipenderebbe dalla minimizzazione della distanza tra l'effettore e il target. In base al secondo approccio, invece, la ricostruzione dello spazio metrico 3D non è necessaria per una efficace esecuzione dei compiti motori nello spazio prossimale.
Il confronto tra i due modelli è stato effettuato misurando l'accuratezza e la variabilità dei movimenti di puntamento in due esperimenti, nei quali non si è usato alcun feedback aptico. Il compito è stato effettuato in condizioni di visione binoculare e monoculare. Mentre per i modelli metrici l'assenza di informazioni binoculari a pochi millimetri dal raggiungimento del target non dovrebbe comportare grossi costi computazionali, dato che pur essendoci una componente di controllo visivo on-line del movimento l'informazione a priori sarebbe preminente, nei modelli non-metrici la componente di controllo on-line, basata sul monitoraggio della disparità relativa tra effettore e target, risulterebbe prevalente.
Nel primo esperimento, i partecipanti effettuavano un compito di puntamento di un target con posizioni spaziali casuali (nelle diverse prove) o fisse. Tale spostamento del target avveniva nel momento in cui la distanza tra effettore e target era inferiore a 1 cm. In tutte le condizioni visive testate, si è osservata una sovrastima statisticamente significativa della distanza del target. In aggiunta, tale sovrastima è stata inoltre osservata sia nelle condizioni in cui le posizioni del target erano fisse sia in quelle in cui le posizioni erano random. Analogamente a quanto osservato nel precedente esperimento, la sovrastima era inoltre presente in un secondo esperimento, effettuato in condizioni di buio totale.
I risultati degli esperimenti del presente studio dimostrano che le informazioni sulla disparità tra effettore e target nell'ultima fase del movimento sono cruciali per la correttezza del gesto. Tale risultato è stato interpretato quale conferma della bontà dei modelli non-metrici.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Prefazione L’oggetto di questa tesi è lo studio dello spazio della percezione e dell'azione ossia lo spazio in cui il nostro sistema visivo e aptico collaborano insieme al fine di poter raggiungere oggetti e di conseguenza interagire e manipolarli. Conoscere i meccanismi di percezione visiva e aptica è utile per poter capire da un lato, in che modo il nostro sistema cognitivo riesca a ricostruire il mondo che ci circonda in un percetto visivo unico e ad interpretarlo e dall'altro in che modo il sistema motorio venga eventualmente controllato nell'eseguire un compito diretto a uno scopo nel modo più corretto possibile secondo la ricostruzione visiva operata. Al di là della dissociazione necessaria fra questi due processi il mio lavoro si è concentrato su una loro possibile integrazione. Alla base di questo lavoro potremmo parlare della possibilità da parte del sistema visivo di ricostruire un oggetto tridimensionale. Come avviene la ricostruzione retinica di un oggetto tridimensionale? A questa domanda numerosi ricercatori hanno dato il loro contributo e sostanzialmente il dibattito in letteratura si è concentrato su due impostazioni principali totalmente opposte : da un lato chi suggerisce che sia possibile ricostruire l'esatta conformazione metrica di un oggetto tridimensionale e chi sostiene che sia improbabile farlo data la grande quantità di errori sistematici nei giudizi percettivi trovati sperimentalmente. Il mio lavoro si soffermerà su una parte ristretta relativa a questo campo d'indagine : dato che evidenze sperimentali recenti mostrano che non sia possibile ricostruire

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

percezione crossmodale visuo-aptica
percezione visiva 3d
illusioni visuo-aptiche
dinamiche di raggiungimento e afferramento

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi