Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Famiglie povere e modelli di welfare: un confronto tra il caso italiano e svedese

La tesi tratta le principali differenze che intercorrono da un punto di vista economico politico e sociale tra paesi che pur convivendo negli stessi confini "europei" presentano modelli di welfare opposti: Italia e Svezia. Differenze confermate anche da un'approfondimento che riguarda i modelli familiari e le conseguenti politiche per le famiglie povere.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE L‟obiettivo principale di questo elaborato è la messa in luce delle principali differenze che intercorrono da un punto di vista economico, politico e sociale tra paesi che pur convivendo negli stessi confini “europei” presentano modelli di welfare del tutto opposti. L‟interesse verso questa tematica nasce sicuramente a seguito delle intense trasformazioni che le nostre società hanno subito come conseguenza di cambiamenti che hanno investito sia la domanda sociale, cioè di rischi e di bisogni che caratterizzano il lavoro e la vita degli attori sociali sia, sul versante dell‟offerta, le politiche pubbliche e i sistemi di welfare nazionali. Ho articolato la mia discussione in tre capitoli principali che in maniera evolutiva si soffermano sui singoli processi che hanno determinato le caratteristiche dei moderni sistemi sociali: dalla nascita del Welfare State alla messa in pratica di politiche di contrasto alla povertà, analizzando più da vicino il caso delle politiche per le famiglie povere. In particolare ho sviluppato il confronto tra il caso italiano e quello svedese. A tal proposito non potevo assolutamente trascurare i contributi dei più autorevoli studiosi che hanno rinvigorito il concetto di welfare state sia nel ridefinirlo che nel ristrutturarlo attraverso tipologizzazioni e modelli ben definiti. Parliamo dei contributi di Richard Morris Titmuss grazie al quale si ebbe la prima e la più classica tipologia di Welfare, strutturata in tre modelli distinti di politica sociale, fino alla riformulazione di Gosta Esping-Andersen. E‟ grazie a lui che si sistematizza il concetto di “Sistema di Welfare” nelle scienze sociali, introducendo tuttavia, l‟idea di “Regime di Welfare,” cioè l‟intero sistema di interrelazioni che intercorre tra le politiche, il mercato del lavoro e la famiglia; cioè le tre aree fondamentali di produzione di risorse, servizi e di tutela sociale. A seguito di un‟accurata analisi, egli

Laurea liv.I

Facoltà: Sociologia

Autore: Alessandra Faraone Contatta »

Composta da 54 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1032 click dal 27/06/2011.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.