Skip to content

Efficacia educativa delle misure cautelari minorili. Indagine di controllo effettuata presso il Tribunale per i Minorenni di Milano

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Cajani
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1995-96
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Assunto Quadrio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 270

Si tratta di una indagine (risultata peraltro vincitrice, nel giugno 1998, del concorso indetto dalla Camera di Commercio di Milano per tesi di laurea riguardanti la realtà milanese) svoltasi nel 1996 presso il Tribunale per i Minorenni di Milano e seguita dal giudice per le indagini preliminari dott.ssa Poli, volta a verificare se rispetto ai provvedimenti cautelari applicabili nei confronti di imputati minorenni si possa parlare di efficacia educativa.
Dopo aver illustrato come una sempre maggior considerazione (non priva però di certe ambiguità) del “mondo degli adulti” nei confronti dei problemi legati all’infanzia abbia parallelamente fatto emergere istanze volte alla creazione di un vero e proprio diritto minorile, viene analizzata la disciplina degli artt. 19 ss. del codice di procedura penale minorile: partendo da quella interpretazione dottrinale che riteneva possibile – quanto ai presupposti di applicazione - la sussistenza di semplici “esigenze educative”, sono illustrati i motivi che invece portano a ritenere necessaria la sussistenza di quelle esigenze cautelari previste dall’art. 274 del codice di procedura penale.
Premessa una analisi statistica a livello nazionale sul panorama della delinquenza minorile al fine di avere dei validi riferimenti di raffronto, vengono presentati i risultati dell’indagine che non riguarda le finalità ma appunto l’efficacia (e cioè l’idoneità a produrre effetti, anche educativi) di tali misure, attraverso una verifica delle ipotesi in cui è accaduto che, applicata una misura cautelare, il minore sia comunque tornato a commettere un delitto, ritenendo questo un indizio di una inefficacia della misura stessa in termini educativi: a tal fine sono stati presi in considerazione tutti i provvedimenti cautelari disposti dal 24.10.1989 (data dell’entrata in vigore del d.p.r. 448) fino al 31.12.1995.
L’analisi dei relativi dati attiene alle notizie personali (riguardanti i 673 soggetti nei confronti dei quali sono state disposte), alla situazione dei relativi procedimenti e alle misure applicate, verificandone l’efficacia educativa individuando i minori recidivi nei confronti dei quali sono stati aperti ulteriori procedimenti dopo l’applicazione della misura.
Avvalendosi anche dei numerosi contributi dottrinali in materia, vengono evidenziati i nodi problematici e i punti di forza del sistema cautelare minorile: in particolare ampio accenno è fatto all’importanza della fase “precautelare” a tutela del primo impatto del minore con la giustizia, attraverso l’analisi dei dati del Centro di Prima Accoglienza di Milano.
Per quanto riguarda poi la misura del collocamento in comunità, le ragioni che - a detta della dottrina - ne hanno determinato l’insuccesso vengono “rilette” alla luce della positiva esperienza della Comunità “Don Milani”. Infine, i dati delle presenze al carcere Beccaria confermano una applicazione della custodia cautelare sempre più massiccia nei confronti dei minori stranieri, rispetto ai quali pare non essere possibile nessun’altra alternativa.
Ci si interroga dunque se effettivamente le risorse di cui tali minori hanno bisogno debbano essere ricercate nel processo o se invece il processo debba essere occasione per attivare risorse già esistenti nella società.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Parte seconda L’EFFICACIA EDUCATIVA DELLE MISURE CAUTELARI NEL PROCESSO PENALE MINORILE Indagine di controllo effettuata presso il Tribunale per i Minorenni di Milano

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

psicologia giuridica
tribunale per i minorenni
misure cautelari
delinquenza minorile
casa famiglia
diritto minorile
comunità per minori
carcere minorile

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi