Skip to content

Le relazioni fra Stati Uniti e Cuba durante l'amministrazione Clinton

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Mencarelli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Elisabetta Vezzosi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 154

Per secoli colonia spagnola, l'isola caraibica divenne, già nel corso del XVII secolo, un grande centro di produzione dello zucchero. Per tutta la prima metà del novecento l'isola rimase però ai margini della politica mondiale, fortemente condizionata dalla vicinanza con gli Stati Uniti. La situazione mutò decisamente con l'ascesa al potere dei ''barbudos''. Con l'avvento della rivoluzione castrista l'isola assunse infatti un ruolo internazionale. Il primo capitolo ripercorre pertanto gli oltre quarant'anni di storia delle relazioni fra Stati Uniti e Cuba che vanno dalla fine del secondo conflitto mondiale all'avvio della presidenza di Bill Clinton. Anni, questi, caratterizzati dalla figura di Fidel Castro, di professione avvocato, agentte di riscossione crediti... rivoluzionario. ''Come posso essere stato così stupido da lasciarli agire'' chiese ripetutamente John Kennedy ai suoi consiglieri dopo il fallito sbarco alla Baia dei Porci. Gli alti tre capitoli, parte centrale di questo lavoro, prendono invece in esame il periodo che segue la caduta del muro di Berlino e gli eventi succedutisi nel corso del duplice mandato presidenziale di Bill Clinton. Si analizzano quindi le relazioni intercorrenti fra le due sponde dello stretto della Florida in un periodo storico segnato, in modo decisivo, dall'inevitabile necessità di confrontarsi con l'era postcomunista, che ha giocoforza investito in pieno l'isola caraibica. Vengono cioè ripercorse le tappe che ritengo fondamentali per la comprensione delle relazioni intercorrenti fra Washington e l'Havana nel corso degli anni novanta, che spesso, vista la prossimità degli eventi, vede la storia legarsi a doppio filo con la cronaca. Questo cercando di evitare cadute propagandistiche e considerazioni retoriche. Gli otto anni di presidenza democratica sono stati contraddistinti da una linea politica che, seppure nella sua continuità di fondo, ha comunque conosciuto alcuni importanti cambiamenti. Sono state gettate le basi perché possa aprirsi un nuova era nelle relazioni Usa-Cuba, avvenute sullo sfondo di profondi mutamenti economici, sociali e culturali. ''E' popolare?'' si chiedeva, nel 1996, il settimanale britannico ''The Economist'' riferendosi a Fidel Castro. La risposta a questa domanda non può che essere affermativa, perchè una delle più lunghe forme di governo personale della storia contemporanea non può essere spiegata soltanto attraverso l'abile uso di mezzi di manipolazione delle masse ed altri strumenti di potere. Il regime di Castro non può, in breve, essere analizzato solo attraverso quello che lo stesso settimanale definì ''dittatura al lavoro'', di cui, peraltro, il lider maximo, nel corso di questi decenni, è risultato essere un maestro. Tanto da chiedersi, come fa la canzone di Carlos Puebla, ''che cos'ha Fidel che gli yankees non lo sconfiggono?''. ''Comunque vada a finire la rivoluzione cubana - ha scritto Manuel Vazquez Montalban - le necessità umane continuano a esigere soddisfazione e a ogni rivoluzione segue un'altra rivoluzione: con la minuscola, così come, dopo la Storia, sopravvive la storia incapace di accettare per davvero la propria fine''.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Preview: Una nuova crisi nelle relazioni Usa-Cuba si ebbe nell'estate del 1994, quando il regime castrista attraversò il momento più critico del "Periodo speciale in tempo di pace". Nel pieno della crisi seguente al crollo dell'Unione Sovietica (nel 1992 il Presidente Boris Etsin aveva proclamato la fine di qualsiasi assistenza economica) e con le prime riforme economiche del 1993/94 che ancora non avevano prodotto apprezzabili risultati si ingigantì infatti il fenomeno dei "balseros". L'esodo dei cubani che, con ogni mezzo (anche attraverso il dirottamento o il furto, talvolta con l'uso della forza, di mezzi di prprietà delle autorità statali cubane), cercavano di lasciare l'isola per raggiungere le coste della Florida ebbe una vera escalation. Secondo i dati della Guardia Costiera di Miami i "balseros" passarono infatti dai 391 del 1989 ai 3.656 del 1993 (4.208 secondo i dati forniti da Castro), per poi aumentare costantemente nel corso del 1994 (dai 716 di aprile ai 21.300 di agosto). A ciò si aggiunse anche una serie di irruzioni nelle ambasciate straniere dell'Havana per cercare asilo politico che caratterizzò, contemporaneamente, i mesi estivi. Il 28 maggio più di cento persone entrarono infatti nella reisdenza dell'ambasciatore del Belgio, mentre il 13 luglio 21 persone fecero irruzione nell'ambasciata tedesca e nove, il 15 luglio, nel consolato cileno.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cuba
jineteras
jineterismo
stati uniti
rivoluzione castrista
fidel castro
bill clinton
storia contemporanea
storia dell'america del nord

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi