Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La musica futurista in Lacerba

Nelle pagine di Lacerba, rivista d'avanguardia artistica italiana redatta a cavallo della grande guerra, troviamo per la prima volta pubblicati i manifesti dei musicisti futuristi, le loro partiture, le loro idee di improvvisazione e innovazione del sistema musicale. Molti di questi aspetti li ritroveremo anni dopo nella musica d'oltre oceano. L'analisi del sistema temperato svolta da Luigi Russolo prosegue il percorso iniziato dai romantici verso la maggiore libertà artistica: il rumore come la dissonanza può essere reso musicale solo da un orecchio allenato, così come la musica di Wagner e di Stravinskij. Luigi Russolo, Silvio Mix sono i protagonisti dell'avanguardia musicale italiana più radicale: Russolo anticipa la musica elettronica, costruisce i primi sintetizzatori meccanici della storia della musica: l'intonarumori e il rumorarmonio. Le idee improvvisative che ne deriveranno le ritroviamo oggi nella moderna didattica musicale anglosassone e nella musicoterapia.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Il centenario del Futurismo si è festeggiato in tutta Europa, da Parigi, con l’esposizione al Centre Pompidou, fino a Londra dove la Estorick Collection Museum of Italian Modern Art espone fino al 19 Aprile 2009 la rassegna Forme uniche: il disegno e la scultura di Umberto Boccioni. In Italia, nonostante sia stata il centro del movimento, non vi è stata un’organizzazione unitaria; gli eventi sono diffusi tra Roma, presso le Scuderie del Quirinale, Milano, al Palazzo Reale con Futurismo. Velocità + Arte + Azione , Venezia al Museo Correr, e il MART di Rovereto con Illuminazioni, Avanguardie a confronto. Italia, Germania, Russia. Ognuna diversamente dall’altra ripropone il movimento nei suoi molteplici aspetti: la scultura, la pittura, la moda, la cucina, evidenziando i rapporti e le influenze comuni in tutta Europa. A questo proposito “Lacerba” si mostra come un grande calderone dove le accese opinioni filosofiche, scientifiche e artistiche del primo Novecento europeo sono a “bollire” insieme. Come l’avanguardia si pone in musica, pittura, architettura e letteratura è infatti perfettamente scritto nei soli tre anni di pubblicazione della rivista, che dopo un periodo di splendore intellettuale si accascerà su se stessa per le ostinate divergenze politico-artistiche dovute anche alla prima guerra mondiale.

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Matteo Maienza Contatta »

Composta da 76 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2182 click dal 23/05/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.