Skip to content

Scenografie e scenografi della televisione italiana

Informazioni tesi

  Autore: Sara Bernetti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi della Tuscia
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Giuseppe Sicari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 65

Nel mio lavoro di ricerca ho esaminato il percorso evolutivo delle scenografie televisive dalla loro nascita fino ai nostri giorni nelle numerose trasmissioni susseguitesi, e ho analizzato l’attività delle personalità più incisive in questo campo come Gaetano Castelli, Alida Cappellini, Giovanni Licheri, Emanuela Trixie Zitowski, Armando Nobili.
Le prime scenografie televisive nascono ovviamente con l’inizio ufficiale delle trasmissioni televisive. Una loro più complessa elaborazione si ha con l’arrivo del colore alla fine degli anni ‘70, il quale richiede una preparazione più accurata.
Un’esemplare dimostrazione del processo di evoluzione della scenografia televisiva nel corso degli anni è sicuramente il Festival di Sanremo, il palcoscenico più conosciuto dal pubblico italiano. Si può considerare come una delle prove più impegnative della scenografia televisiva innanzitutto perché si tratta di uno spazio teatrale: qui infatti non deve esserci distacco tra il pubblico e lo spazio scenico come avviene in teatro, e bisogna tener presente che la visualizzazione non è solo frontale, ma la scena è frugata da tutte le altezze e da tutte le angolazioni possibili dalle numerosissime telecamere; in secondo luogo le difficoltà nascono dal dover accogliere una scenografia di grande importanza lasciando lo spazio necessario per ospitare cantanti e l’imponente orchestra; in più si ha il quasi obbligo di inserire dei fiori nell’impianto scenico.
Ciò nonostante grandi scenografi del calibro di Gaetano Castelli hanno saputo ben districarsi tra queste difficoltà realizzando allestimenti importanti.
Il carattere scenografico italiano oggi può essere definito di elevata qualità ed è molto apprezzato soprattutto all’estero. Tuttavia questa eccellenza italiana è messa in crisi da spazi sempre più grandi, materiali sempre più sofisticati, conduttori sempre più invadenti, budget in costante ribasso e anche dall’affermazione dei format.
Spesso lo scenografo deve fare i conti con autori o registi che, totalmente a digiuno di progettazione, impongono modifiche, o anche scelte stilistiche che cozzano totalmente con l’impianto proposto. I cosiddetti “tempi televisivi” poi, non aiutano di certo la realizzazione scenografica: molti problemi progettuali spesso sono causati da un tempo a disposizione troppo breve. Impianti complicati vengono richiesti nel giro di una settimana e mettere d’accordo le scelte stilistiche con le esigenze autorali non è assolutamente facile. In più il budget a disposizione sempre più basso e le richieste sempre più esagerate, obbligano il progettista a scendere a fastidiosi compromessi.
Troppo spesso quindi a causa di tutto ciò, si continuano a vedere ancora scenografie tutte uguali e uguali a se stesse di anni e anni fa, completamente dissociate dai contenuti della trasmissione, sgraziate nelle forme e nei colori.
Negli ultimi anni nell’ambito della produzione italiana, si può rilevare un crescente uso di scene digitali in molti programmi per bambini, giornalistici, o informativi. Di rado è il personale interno a creare le scene, solitamente prodotte da ditte esterne con il conseguente lievitare dei costi e limitazione del proliferare di questi nuovi mezzi.
Gli sviluppi delle tecnologie informatiche, in particolare della realtà virtuale, hanno indicato nuove prospettive per la televisione. Una delle applicazioni più interessanti è il virtual set, ovvero la realizzazione di scenari virtuali che prendono il posto delle scenografie. Si tratta dunque di ambienti digitali creati al computer in grafica tridimensionale, oppure attraverso fotografie ritoccate.
L’effetto rimandato dal video è quello di uno scenario vero e proprio nel quale i conduttori agiscono e si muovono. In realtà, il loro set è uno studio vuoto in cui pavimento e perimetro hanno una colorazione uniforme di blu o verde. La scelta del colore non è casuale in quanto il virtual set sfrutta una tecnica televisiva, nota già da molti anni con il nome di “chroma key ”.
Il salto di qualità, reso possibile dal virtual set rispetto al suo predecessore, è costituito dal fatto che lo sfondo risulta indipendente rispetto agli attori posti sulla scena.
Lungi dall’essere un metodo tecnologico per risparmiare sulle scenografie, il virtual set è uno strumento produttivo vero e proprio, nonché una nuova forma di linguaggio audiovisivo che attende ancora di essere sfruttata in tutte le sue caratteristiche, moltiplicando le potenzialità creative e i canoni dei format.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE La scenografia televisiva è caratterizzata dal complesso delle costruzioni che servono a realizzare gli elementi scenici di uno spettacolo per la TV. La progettazione e l‟arredamento della scena, ovvero la porzione di spazio inquadrata dalla macchina da presa, sono curati dall‟architetto scenografo al quale è richiesta la conoscenza delle caratteristiche dei materiali tradizionali e di nuova concezione, specialmente in relazione alla telegenicità. I pannelli e gli allestimenti scenici possono essere costruiti appositamente per la trasmissione, offerti da imprese del settore, oppure reperiti in qualche magazzino. La scenografia televisiva è sempre stata scarsamente considerata dal punto di vista qualitativo, tuttavia presenta da sempre caratteristiche di innovazione e sperimentazione. Viaggia di pari passo con la moda e il design, azzarda commistioni di stili rivisti in chiave televisiva ed offre interessanti suggerimenti all‟architettura degli interni di tipo espositivo o commerciale ed agli allestimenti in genere. Da sempre all‟avanguardia nell‟utilizzo di supporti tecnologici, ha sviluppato un tipo di progettazione formale e funzionale allo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

scenografie
televisione
rai
scenografi
sanremo
programmi televisivi
storia televisiva

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi