Skip to content

Economia dell'istruzione e capitale umano in Italia

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Sportelli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Vito Peragine
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 90

Il presente lavoro si articola in quattro capitoli. Partirò dall’analisi dell’attuale situazione italiana per quanto concerne la mobilità sociale ed il capitale umano di cui disponiamo, in rapporto con altri paesi Ocse. Si presterà attenzione a valutare sia il livello medio di titolo di studio posseduto, sia l’effettivo livello di preparazione dei nostri studenti (usando i test esterni predisposti da INVALSI, OCSE, IEA).
Affioreranno rilevanti differenze regionali ed un sostanziale ritardo del nostro Paese nel confronto Internazionale, a cui cercherò di dare delle spiegazioni nei capitoli successivi.
Dapprima rivolgerò l’attenzione ai rendimenti dell’istruzione in Italia. Lo studio, che riguarderà i rendimenti “privati”, “sociali” e “fiscali” legati all’incremento del livello del capitale umano nazionale, farà spiccare indubbi benefici che dovrebbero spingere, almeno in linea teorica, sia le famiglie, che le istituzioni pubbliche, ad investire in questa direzione. Economia dell’istruzione e capitale umano in Italia.
I motivi dello scarso livello di istruzione nazionale e dalla permanenza di uno zoccolo duro che non riesce neppure a completare l’obbligo scolastico, sono quindi da ricercare altrove.
Nel terzo capitolo inquadrerò il sistema scolastico italiano sotto i profili di eguaglianza ed equità, valutando se l’azione pubblica sia tale da annullare le differenze tra regioni, tra famiglie e tra status sociali, favorendo così una crescita unificata dei livelli di conoscenza. Vedremo che questo non accade a causa di risorse pubbliche mal investite; investimenti privati quasi nulli; sistema di scelta
della scuola secondaria superiore troppo precoce ed influenzato più dell’effetto del background familiare, che dalle reali attitudini dello studente; rilevanza dei peer group effects nella scelta di prosecuzione degli studi.
Il quarto capitolo disamina l’effetto che ha la struttura del mercato del lavoro italiano, sulla scelta di acquisire o meno istruzione di base e/o supplementare. Si profila il fenomeno del cosiddetto educational mismach, di importanza rilevante soprattutto per la classe d’età che va dai 15 ai 29 anni, in cui risulterebbe un 20 per cento di overeducated. Questo disallineamento tra titolo posseduto e titolo
richiesto per una determinata mansione, potrebbe convincere molti giovani a cercare prematuramente un’occupazione, rinunciando ad acquisire istruzione aggiuntiva. Il sistema produttivo italiano sembra prestarsi particolarmente a questo genere di problemi, a causa della sua bassa dinamicità e reattività, tipici delle produzioni a basso contenuto tecnologico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Economia  dell’istru zione  e  capi tale  umano  in  Italia   5     Sommario Nel secondo dopoguerra l’Italia si avviò su un sentiero di sviluppo sostenuto e lo percorse per più di un quarto di secolo. Venne recuperata una parte cospicua del ritardo nei confronti dei paesi con più elevati livelli di benessere economico. Lo sviluppo beneficiò di diversi fattori, interni ed esterni, che consentirono di conseguire fortissimi guadagni di produttività. La crescita dell’economia, di durata e intensità senza precedenti nel nostro paese, fu accompagnata da un innalzamento progressivo del livello di istruzione della popolazione, che seppe combinarsi efficacemente con lo stato delle conoscenze tecnologiche. Dagli anni novanta l’irruzione delle economie emergenti sui mercati internazionali e l’avvento di nuove tecnologie, mutano radicalmente le caratteristiche dello sviluppo economico a livello globale. Hanno disegnato nuove gerarchie, rivoluzionato i processi produttivi, modificato in modo sostanziale, soprattutto nei paesi avanzati, le caratteristiche dell’input di lavoro domandato dalle imprese. Ha preso nuova forza quell’ampio filone della letteratura economica che da tempo è volto a riflettere sul nesso fra istruzione e sviluppo. Secondo Hanushek e Woessman [2007], “istruzione e formazione sono un’arma per competere nel nuovo mondo globale dei saperi ed in quello della concorrenza mondiale, perciò fanno parte delle dotazioni strutturali di un paese, di un’economia e di una società”. Esse rappresentano anche un decisivo livello per l’integrazione delle nuove generazioni in una società multietnica. L’istruzione può accrescere i redditi individuali e il livello di sviluppo di un’economia soprattutto attraverso l’accelerazione impressa al progresso tecnologico. In ogni caso, non vi è dubbio che la qualità dell’istruzione (e quindi della forza lavoro) è solo uno dei fattori che rientrano nella determinazione della crescita. Innalzare il livello di qualità della scuola può avere effetti trascurabili nel supportare il funzionamento di una moderna economia, se mancano politiche che rafforzino, tra gli altri, i meccanismi di mercato e le istituzioni pubbliche e legali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

overuducation
educational mismatch
situazine internazionale
istruzione
situazione regionale
peer effects
spesa
effetto classe
background familiare
privato
education
investimento
diploma
italia
ocse
capitale umano
sociale
rendimenti
laurea
redditi
pubblico
fiscale
manifatturiero
mobilità sociale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi