Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La moderna industria turistica: Thomas Cook, pioniere del viaggio organizzato

Questo lavoro ha l’obiettivo di mettere in luce la trasformazione del settore turistico prestando particolare attenzione all’impresa di Thomas Cook, a cui va il merito di aver rivoluzionato il concetto di viaggio grazie allo sviluppo della rete ferroviaria e ai cambiamenti sociali dell’Ottocento. Cook, fondatore della prima agenzia di viaggio, si specializza nella programmazione di viaggi in treno a basso costo, portando in vacanza i ceti sociali a reddito medio ed inaugurando l’era del turismo popolare.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 CAPITOLO I LA RIVOLUZIONE TURISTICA NELL’ERA DEL BOOM FERROVIARIO I.1 UN NUOVO MODO DI VIAGGIARE Le ferrovie furono il più grande affare dell‟800 determinando una straordinaria trasformazione nel settore dei trasporti. All‟epoca della rivoluzione industriale, le tradizionali vetture a cavallo furono dotate di un meccanismo propulsore che permettesse loro di correre sul piano stradale, sostituendo con la forza del vapore quella dei muscoli degli animali. Nel corso del tempo, i nuovi sistemi di trazione furono perfezionati in modo da creare mezzi di locomozione sempre più veloci, resistenti e adatti a trasportare un numero sempre maggiore di passeggeri 1 . Nel 1789, il famoso ingegnere R.Trevithick realizzò il primo modello di macchina a vapore, collaudato con successo a Londra nel 1808. Naturalmente ogni paese ebbe il suo ottocento ferroviario poiché ciascuno di essi fu coinvolto dalle innovazioni tecnologiche in tempi diversi. In generale il secolo delle ferrovie si aprì per tutti nel 1825 con l‟inaugurazione della Stockton – Darlington, la prima linea inglese e del mondo, anche se almeno fino alla prima metà dell‟800, la maggior parte dei viaggiatori continuò ad utilizzare le tradizionali diligenze a cavallo per recarsi in Francia e in Italia. Le carrozze dell‟epoca erano molto lente dato che durante il percorso era necessario sostare per permettere ai cavalli di mangiare e riposarsi, al massimo era possibile percorrere trentacinque miglia. Spesso il viaggio con i mezzi pubblici era un tormento che riduceva i passeggeri all‟esasperazione: i veicoli erano scomodi, procedevano a passo d‟uomo attraverso strade tortuose, i principi elementari dell‟igiene erano ignorati e talvolta le varie esigenze dei passeggeri diventavano oggetto di discussione. Coloro che volevano viaggiare a un‟andatura più sostenuta sceglievano i mezzi postali, affittando veicoli e cavalli dagli ufficiali di posta lungo il percorso. La carrozza privata era un lusso che solo i ricchi potevano permettersi ma in tal modo ci si assicurava un viaggio confortevole senza il rischio di giungere esausti a destinazione. La vera e propria rivoluzione ferroviaria si ebbe solo nel 1840 quando la locomotiva cominciò ad essere impiegata non solo per il trasporto delle merci ma anche per il traffico dei passeggeri. Due eventi determinarono l‟inizio dell‟era ferroviaria: nel 1841, Thomas Cook 1 De Lucia Mario, Viaggi in Europa: Vie di comunicazione e turismo nello sviluppo economico europeo, Edizioni Scientifiche, Napoli, 2002, cit. p. 23

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Sara Lanzi Contatta »

Composta da 71 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2954 click dal 27/05/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.