Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gassificazione del Carbone per la Produzione di Energia Elettrica

In questa tesi si tratta la gassificazione (o ossidazione parziale) del carbone per produrre un combustibile gassoso che soddisfi le specifiche tecniche delle turbine e gli standard ambientali sulle emissioni.
Il carbone è una fonte energetica poco pregiata e molto inquinante, però ha il vantaggio di essere distribuita piuttosto uniformemente nel globo e dispone di riserve (accertate) che ne consentono uno sfruttamento intensivo per oltre due secoli. Per questo potrebbe essere una valida alternativa per diversificare le fonti di produzione di energia elettrica. Per via della presenza di composti inquinanti di cui il carbone è composto, lo si gassifica con uno dei tanti processi disponibili per produrre un gas che si adatti alle nostre esigenze finali. Proprio per questa versatilità, da ormai una decina di anni si è deciso di associare la gassificazione con i moderni cicli combinati, per unire gli elevati rendimenti di questo ciclo con il basso costo del carbone.

Mostra/Nascondi contenuto.
22/06/11 Gassificazione del Carbone per la Produzione di Energia Elettrica Pagina 2 Lurgi classico  Il processo Lurgi classico utilizza un reattore pressurizzato verticale a “maglia d’acqua” (il reattore è avvolto da un secondo strato di metallo in cui scorre dell’acqua) per moderare le temperature.  Accetta solo carbone macinato e non agglomerante, poiché altrimenti, potrebbe ostruire la griglia che immette una miscela di vapore e ossigeno e allo stesso tempo rimuove le ceneri.  Questo processo avviene a circa 24-31[Atm] e con una temperatura tra i 650-940[°C], produce un gas di sintesi di 16.76[kJ/litri standard].  Il gas grezzo quando lascia il reattore contiene una notevole quantità di prodotti condensabili.  La temperatura della zona di combustione deve essere regolate in modo che si tenga al di sotto del punto di fusione delle ceneri ma abbastanza elevata da garantire una completa gassificazione del carbone.

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Alessandro Frau Contatta »

Composta da 169 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 897 click dal 22/06/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.