Skip to content

Il concetto di Human Security

Informazioni tesi

  Autore: Stefano Cioccari
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Maria Luisa Maniscalco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 228

La fine della Guerra Fredda ha cambiato la percezione del significato di sicurezza. Da quel momento in poi la vita degli individui non è stata minacciata solamente da guerre e conflitti internazionali, ma anche da organizzazioni criminali, terrorismo, degrado ambientale, malattie infettive, povertà cronica e armi di distruzione di massa. Nuove guerre hanno luogo in PVS: si tratta di conflitti a “bassa intensità” che coinvolgono eserciti relativamente piccoli e non necessariamente regolari. Il risultato è che i civili diventano i principali bersagli in queste situazioni, così la violazione dei diritti umani e gli stupri diventano comuni forme di guerra. Un effetto è stato l’emergere del concetto di human security che dà un differente significato all’idea di sicurezza, provando a replicare al concetto tradizionale un nuovo paradigma che ci aiuta meglio a capire le vulnerabilità globali. Nel 1994 infatti, con l’Human Development Report dell’UNDP, l’Human Security venne prima introdotto come nuovo concetto distintivo, poi ottenne una più ampia popolarità. È un concetto incentrato sulle persone, aiuta a proteggere gli individui, espandendo la protezione ad una più ampia gamma di minacce, non solo quindi la difesa dello stato dalle aggressioni. Lo stato, inoltre, non è più l’unico soggetto che garantisce la sicurezza, ciò implica una più ampia partecipazione di differenti attori (organizzazioni regionali e internazionali, non governative e comunità locali). Ci sono inoltre differenti scuole di pensiero riguardo il significato, principalmente tre, mi soffermerò sulla terza, quella più espansiva che potrebbe essere definita “sviluppo umano sostenibile”, associata proprio con l’Human Development Report dell’UNDP del 1994 che definì l’human security in termini di sicurezza economica, alimentare, sanitaria, ambientale, personale, collettiva e politica. Il report ha offerto una prima sostanziale definizione di Human Security che può avere due aspetti principali. Il primo, la sicurezza dalle minacce croniche come la fame e le malattie detta freedom from want. Il secondo come la protezione da improvvisi e sanguinosi sconvolgimenti della vita quotidiana, freedom from fears. Il report ha dichiarato chiaramente che la minaccia della violenza fisica era solo un aspetto e non necessariamente il più significativo e dalla fine della Guerra Fredda le vere minacce nel nuovo secolo stavano venendo da malattie come l’AIDS, dal traffico di droga, dal terrorismo, dalla povertà globale e dai problemi ambientali. Questi problemi non erano locali ma globali e richiedono nuovi modi di pensare, nuove istituzioni e forme di cooperazione globale per affrontarli.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Grazie all‟opportunità di svolgere uno stage di sei mesi in Svezia e a una successiva borsa di studio per la tesi all‟estero ho avuto la duplice possibilità di fare ricerca presso lo Stockholm International Peace Research Institute; con il gentile supporto di alcuni suoi ricercatori ho potuto approfondire un argomento che in Italia è quasi praticamente assente. Il dibattito sull‟human security infatti è partito dal sistema onusiano ed ha catturato l‟attenzione di nazioni come Canada e Giappone, che hanno inserito questo concetto come parte integrante della propria politica estera, Norvegia, Svizzera e appunto Svezia che annualmente investono numerose risorse sia ministeriali che private, economiche e non, per promuovere un concetto che è ancora in fase di piena attuazione. La fine della Guerra Fredda ha cambiato la percezione del significato di sicurezza. Da quel momento in poi la vita degli individui non è stata minacciata solamente da guerre e conflitti internazionali, ma anche da organizzazioni criminali, terrorismo, degrado ambientale, malattie infettive, povertà cronica, armi di distruzione di massa e povertà economica. Il numero dei conflitti inter-statali è così diminuito, ma ora molte nuove guerre hanno luogo in paesi in via di sviluppo: si tratta di conflitti a „bassa intensità‟, che coinvolgono eserciti relativamente piccoli e non necessariamente regolari. Il risultato è che i civili diventano i principali bersagli in queste situazioni, così la violazione dei diritti umani e gli stupri diventano comuni forme di guerra. Una delle conseguenze quindi è stata l‟emergere del concetto di human security che da un differente significato dell‟idea di sicurezza, provando a replicare al tradizionale concetto di sicurezza statale e di sviluppo umano con un nuovo paradigma che ci aiuta meglio a capire le vulnerabilità globali. Questo concetto è basato su una visione della sicurezza dei popoli per assicurare la sicurezza necessaria per la stabilità nazionale, regionale e globale. L‟Human Security, differentemente dall‟idea tradizionale di sicurezza (basata sullo Stato) è incentrato sulle persone: aiuta a proteggere gli individui, espandendo la protezione ad una più ampia gamma di minacce, non solo quindi la difesa dello stato dalle aggressioni. Lo stato non è più l‟unico soggetto che garantisce la sicurezza, ma la realizzazione dell‟HS implica una più ampia partecipazione di differenti attori (organizzazioni regionali e internazionali, non governative e comunità locali) 1 . La Carta 1 L‟Human security aiuta anche ad emancipare le persone e le società come mezzo di sicurezza: le persone contribuiscono identificando e attuando soluzioni per risolvere l‟insicurezza.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi