Skip to content

Aspetti linguistici di tre commedie di Dario Fo degli anni sessanta

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Di Fronzo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Silvia Morgana
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 311

Il rapporto che lega la lingua parlata in scena alla lingua della comunicazione ha radici antiche e tutta la storia del teatro italiano può offrire numerose testimonianze da questo punto di vista. Esiste un intreccio tra le sorti del teatro italiano e le sorti della lingua italiana stessa: un intreccio variato col trascorrere dei secoli e quindi col variare delle problematiche, ma tuttora presente e probabilmente irrisolto. È il carattere stesso della lingua teatrale, il suo costituirsi in “genere stilistico” dotato di una specificità sia rispetto agli altri linguaggi letterari, sia rispetto alle altre forme di oralità pubblica, a mettere a nudo le potenzialità e le eventuali carenze della lingua che il teatro impiega. Si tenga presente la particolare natura del testo teatrale: un tipo di testo che appartiene alla categoria dei testi scritti, ma è una scrittura destinata all’oralità, anzi, ad un’interpretazione oralizzata, alla recitazione. Dunque il linguaggio del testo teatrale prende le distanze sia dalla lingua scritta sia dalla lingua parlata, ma, ovviamente, partecipa dei caratteri sia dell’una che dell’altra.
Ogni volta che la questione della lingua è risorta con forza, il teatro ne ha sperimentato nei suoi testi tutte le possibili soluzioni. Per venire alla nostra epoca, le riflessioni di linguisti e letterati intorno ad una «nuova questione della lingua» nel corso degli anni Sessanta e, successivamente, i dibattiti svoltisi in Italia fra gli studiosi di linguistica, hanno evidenziato l’importante processo di trasformazione sociale che ha introdotto mutamenti sostanziali rispetto al passato nell’italiano contemporaneo.
Ma cos’è un testo teatrale? Prima di tutto, è necessario fare una distinzione tra testo spettacolare e testo drammatico. Il testo spettacolare, ossia lo spettacolo teatrale in tutta la sua completezza e complessità, costituisce evidentemente l’oggetto privilegiato per un’analisi semiotica che voglia tenere conto delle molteplici componenti dell’evento scenico. Tuttavia, dal punto di vista linguistico, il testo drammatico riveste un interesse particolare per il suo carattere di testo estetico basato sulla parola e dunque assimilabile in questo ad altre produzioni letterarie.
Nel corso degli ultimi anni la semiotica, alla ricerca di un metalinguaggio scientificamente fondato che consenta la lettura di quella complessa stratificazione di sistemi significanti che è il teatro, si è soffermata a più riprese sul testo drammaturgico e sui suoi aspetti comunicativi. Uno dei nodi fondamentali attorno ai quali si è svolto il dibattito riguarda la dicotomia esistente fra testo e spettacolo; questa bipolarità tipica del fenomeno teatrale ha finito con l’orientare gli studi in due direzioni: da un lato , si è ritenuto di individuare la specificità del testo teatrale nella sua opposizione rispetto agli altri generi letterari; dall’altro , si è individuata la specificità della messa in scena nella sua opposizione con l’atto comunicativo quotidiano, soprattutto per ciò che pertiene alla componenete pragmatica. Un tentativo di unificazione fra questi due aspetti del fenomeno teatrale è rappresentato dalla proposta avanzata da Alessandro Serpieri di ancorare il testo scritto alla messa in scena, sottolineando la pertinenza, al fine di una corretta segmentazione, degli elementi deittici e performativi presenti nella lingua del testo teatrale. Tali categorie, provenienti dall’analisi della comunicazione orale e riguardanti il livello della lingua più rivolto verso la fattualità immediata, quindi più direttamente coinvolto da fattori pragmatici, vengono applicate all’esame di testi scritti, quelli teatrali appunto, per provarne la duplice natura linguistica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I INTRODUZIONE 1. Il testo teatrale e la messa in scena. Il rapporto che lega la lingua parlata in scena alla lingua della comunicazione ha radici antiche e tutta la storia del teatro italiano può offrire numerose testimonianze da questo punto di vista. Esiste un intreccio tra le sorti del teatro italiano e le sorti della lingua italiana stessa: un intreccio variato col trascorrere dei secoli e quindi col variare delle problematiche, ma tuttora presente e probabilmente irrisolto. È il carattere stesso della lingua teatrale, il suo costituirsi in “genere stilistico” dotato di una specificità sia rispetto agli altri linguaggi letterari, sia rispetto alle altre forme di oralità pubblica, a mettere a nudo le potenzialità e le eventuali carenze della lingua che il teatro impiega. Si tenga presente la particolare natura del testo teatrale: un tipo di testo che appartiene alla categoria dei testi scritti, ma è una scrittura destinata all’oralità, anzi, ad un’interpretazione oralizzata, alla recitazione. Dunque il linguaggio del testo teatrale prende le distanze sia dalla lingua scritta sia dalla lingua parlata, ma, ovviamente, partecipa dei caratteri sia dell’una che dell’altra. Ogni volta che la questione della lingua è risorta con forza, il teatro ne ha sperimentato nei suoi testi tutte le possibili soluzioni. Per venire alla nostra epoca, le riflessioni di linguisti e letterati intorno ad una «nuova questione della lingua» nel corso degli anni Sessanta e, successivamente, i dibattiti svoltisi in Italia fra gli studiosi di linguistica, hanno evidenziato l’importante processo di trasformazione sociale che ha introdotto mutamenti sostanziali rispetto al passato nell’italiano contemporaneo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

linguaggio teatrale
storia della lingua italiana
storia del teatro italiano
testi teatrali
letteratura teatrale
dario fo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi