Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Decolonizzazione e multiculturalismo: il discorso di V.S Naipaul

La tesi riguarda l'esperienza personale di un autore quale V.S Naipaul in una società multiculturale e poliedrica.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 I Capitolo Brevi cenni storici. La fine dell‟Imperialismo britannico. Inizio del processo di decolonizzazione La Prima guerra mondiale fu traumatica per la politica estera britan- nica mettendo in luce debolezze internazionali e coloniali che già si erano velatamente manifestate anni addietro. Tra le due guerre dunque non vi fu un‟ulteriore espansione, avendo come obiettivo solo quello di preser- vare le colonie già esistenti. Alcune insurrezioni erano già scoppiate tra il 1914 e il 1915 in Africa meridionale dimostrando che le ostilità presenti nella guerra dei Boeri del 1899-1902 non erano prive di significato. I mo- ti nazionalistici anticoloniali nel XX secolo, presenti ovunque nell‟impero, ebbero un ruolo molto rilevante nel definire il futuro pro- cesso di decolonizzazione. Come lo era stato il colonialismo, anche la de- colonizzazione era un fenomeno globale. Il processo ebbe luogo in tre periodi diversi: alla fine degli anni ‟40 quando le colonie soprattutto nell‟Asia del Sud si resero indipendenti; dal 1950 agli anni 60 e infine dal 1970 in poi quando la Gran Bretagna levò le tende dalle ultime colonie a est di Suez, maggiormente come il risultato di un debole potere econo- mico. L‟immobilismo di questi anni era causato soprattutto dal non ac- corgersi che l‟impero si stava inesorabilmente avviando al tramonto e la fine della II guerra mondiale concretizzò questa ipotesi. Alla fine della seconda guerra mondiale la Gran Bretagna poteva ancora definirsi un grande Impero ma i decenni successivi ne decretarono il declino. Fra il 1945 e il 1992 la politica estera britannica fu sicuramente condizionata dalla perdita del potere economico, imperiale e militare. Nel 1945 molti territori erano ancora colorati di rosso (colore per distinguere i possedi-

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giuseppina Rossi Contatta »

Composta da 174 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1127 click dal 01/06/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.