Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'oggetto della comunione legale

All’indomani della riforma del diritto di famiglia, il regime di comunione legale fu salutato da alcuni come strumento di promozione e garanzia della parità coniugale, assurta a valore costituzionale ormai da molti anni. Da altri, invece, esso ricevette aspre critiche, aventi ad oggetto i suoi caratteri essenziali: la derogabilità e il contenuto non universale. In simili caratteri si volle ravvisare il risultato (poco soddisfacente) di un compromesso tra le forze politiche di opposta matrice culturale.
In realtà il carattere non universale della comunione, più che il frutto di un compromesso nel senso deteriore della parola, appare ispirato alla volontà di delineare un equilibrio nel microsistema della famiglia. Lo scopo perseguito è l’attuazione di vari precetti costituzionali: uguaglianza, diritto al lavoro, libertà d'iniziativa economica e la tutela della personalità.
La riflessione sulla ratio dell’istituto non è priva di conseguenze pratiche. Essa induce a rigettare i semplicistici canoni ermeneutici di chi vorrebbe leggere come tassativo il catalogo dei beni comuni oppure quello dei beni personali. La realtà da disciplinare è ben più complessa di quanto lascerebbe supporre un’adesione rigida e preconcetta all’una o all’altra impostazione. La stessa nozione di acquisto pone problemi interpretativi, in primo luogo perché il termine è stato adoperato in un'accezione atecnica.
Esaurita la trattazione relativa all'oggetto della comunione immediata, deve rivolgersi uno "sguardo d'insieme" al fenomeno della comunione de residuo, valutando la piena compatibilità del fenomeno con le rationes della comunione legale, fra le quali non si annovera soltanto la valorizzazione del concorso di ambo i coniugi alla formazione del risparmio familiare, ma anche la tutela della personalità di ciascun coniuge.
In quest'ottica, il differimento della comunione di alcuni acquisti appare funzionale al massimo contemperamento delle diverse esigenze. Si è esclusa, per tale ragione, l'esistenza di un'aspettativa tutelata su di essi, riconosciuta da una parte della dottrina a favore del coniuge non diretto acquirente.
Deve prestarsi attenzione, successivamente, alla definizione dell'oggetto della comunione legale sotto il profilo negativo, attraverso l'individuazione delle categorie di acquisti che rimangono personali, in quanto non si possono ricondurre al presupposto della congiunta formazione del risparmio, oppure in quanto strumentali allo sviluppo e alla tutela della personalità di uno dei coniugi, o ancora perché realizzati mediante surrogazione di beni personali.
Per concludere, si devono vagliare le numerose ipotesi di modificazione convenzionale dell'oggetto della comunione coniugale.
In definitiva, a quasi trent’anni di distanza dalla riforma del diritto di famiglia, l'indagine sulla disciplina dei rapporti patrimoniali tra coniugi si presenta ancora particolarmente interessante, ricca com'è di spunti di riflessione, non solo a causa della non eccellente qualità del dettato normativo, ma anche in considerazione della varietà dei fenomeni giuridici che vengono in rilievo.
In quest’ottica, l’indagine sull’oggetto della comunione legale si pone come una sorta di “crocevia”, come vero e proprio “osservatorio privilegiato”, per l’interprete, sul funzionamento di una pluralità di istituti giuridici, i cui meccanismi operativi vanno armonizzati con il sistema della comunione.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione § 1 13 INTRODUZIONE SOMMARIO - 1. Riforma del diritto di famiglia e modificazione del regime patrimoniale legale nella prospettiva dei principi costituzionali - 2. Il quadro normativo di riferimento e lo sviluppo dell'indagine. * * * 1. RIFORMA DEL DIRITTO DI FAMIGLIA E MODIFICAZIONE DEL REGIME PATRIMONIALE LEGALE NELLA PROSPETTIVA DEI PRINCIPI COSTITUZIONALI * * * «Se la famiglia è una comunità, se i coniugi hanno costituito insieme il patrimonio e insieme lo gestiscono, la comunione legale dei beni è la logica conseguenza» 1 . Leggendo la relazione al progetto unificato di riforma del diritto di famiglia, risulta trasparente la scelta di politica legislativa sottesa alla nuova fisionomia del regime patrimoniale tra coniugi, con riferimento - seguendo la distinzione operata dalla dottrina - sia a quello cosiddetto primario" (funzionale al sostentamento del nucleo familiare) che a quello che viene definito "secondario" 1 Relazione al progetto unificato di riforma (seduta della Camera dei deputati del 23/6/1971; relatrice M. E. Martina), tratto da BESSONE - ROPPO, Diritto di famiglia. Evoluzione storica. Principi costituzionali. Lineamenti della riforma, Torino, 1977, p. 380.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giancarlo Mancusi Contatta »

Composta da 498 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7777 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 38 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.