Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Profili economici del made in Italy: l'innovazione come strategia anticontraffazione

Con il presente elaborato ci si è posti l'obiettivo di approfondire alcune tematiche relative ad un argomento certamente molto vasto come quello del made in Italy. Il made in Italy è diventato negli anni qualcosa di più di un semplice marchio d'origine: è diventato sinonimo di leadership nel design, nella qualità e affidabilità di prodotti riconosciuti a livello internazionale. Il sistema produttivo italiano, caratterizzato dalle Piccole e Medie Imprese e i Distetti Industriali, proprio per le sue caratteristiche di unicità, tradizione e fama mondiale, deve essere tutelato da un fenomeno come quello della contraffazione dei marchi, in continua espansione. L'innovazione, quale elemento chiave dello sviluppo del sistema economico italiano, è uno strumento chiave di contrasto alla contraffazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
11 CAPITOLO 1. Il made in Italy: profili economici Introduzione In questo capitolo si analizzerà il concetto di made in Italy inteso come marchio globalmente riconosciuto e definito come sinonimo di tradizione, esclusività, ricercatezza e potere attrattivo del nostro Paese e dei prodotti italiani. Il lavoro si svilupperà a partire da un‟analisi sistematica del sistema produttivo italiano caratterizzato principalmente da PMI e Distretti quali asse portante dell‟industria italiana e delle 4 «A» di eccellenza del made in Italy manifatturiero. Seguirà una descrizione della struttura economica delle imprese italiane e i punti di forza e debolezza rispetto ai vari settori di produzione del made in Italy. Avvalendosi dei risultati provenienti da uno studio della Commissione Europea [Anno 2009] il lavoro proseguirà focalizzandosi sul concetto di internazionalizzazione delle PMI sia a livello nazionale che internazionale, confrontando il contesto italiano con quello di altri Paesi dell‟UE e analizzando due casi specifici: Spagna e Germania. L‟economia italiana si trova a dover fare i conti con aspetti che riguardano la competitività nel contesto globale odierno: una delle questioni più dibattute concerne il rapporto con la Cina la cui concorrenza segue due modalità: una legale, ma asimmetrica e l‟altra illegale basata sulla contraffazione. Per salvaguardare il made in Italy e la competitività del nostro Paese bisogna acquisire consapevolezza rispetto al fenomeno e adottate misure che pongano fine a tutte quelle pratiche commerciali scorrette di cui si avvale la Cina.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Sociologia

Autore: Silvia Maretti Contatta »

Composta da 209 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2851 click dal 22/07/2011.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.