Skip to content

Studio della biodiversità: il caso delle alghe rilevate dalla struttura oceanogra ca Daphne.

Informazioni tesi

  Autore: Vito Ettorre
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Statistiche
  Corso: Statistica
  Relatore: Daniela Cocchi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 142

In generale, la diversità biologica indica la variabilità tra gli organismi viventi presenti in sistemi terrestri,marini ed acquatici e i complessi ecologici di cui questi fanno parte; comprende la diversità esistente all'interno della specie, tra le specie e degli ecosistemi.
L’obiettivo di questo studio è analizzare la biodiversità di una comunità marina, consistente in diverse specie di alghe nel mare Adriatico, analizza tramite dati raccolti durante diverse rilevazioni nel mare Adriatico, da parte della struttura oceanografica Daphne, nel periodo che va dal 1998 al 2009.
I dati sono complessi molto numerosi, in quanto riferiti a 11 siti (7 posti a 500 metri dalla costa e 4 a 3km) e da trattano due principali aspetti: dati specifici di conteggi per ogni specie di alga individuata (classificate in ultima istanza nelle più generali classi: Dinoflagellate, Diatomee ed Altre) e dati riferiti a caratteristiche fisico-chimiche delle acque analizzate.
Il nostro lavoro ha riguardato inizialmente il primo tipo di informazione e quindi l’analisi della biodiversità del sistema. A tale scopo
Per questo sono state utilizzate misure, in altre parole indici, della diversità ecologica statistiche calcolate a aprtire dal vettore delle abbondanze, proposte nella letteratura biologica e statistica (Magurran, Frosini).
In esse, la diversità è riferita sia al numero di specie (ricchezza specifica) sia alla loro ripartizione all’interno della comunità (evenness); per questo motivo una “batteria” di indici può fornire idee più chiare sulla reale biodiversità di un sistema.
L’indice più semplice, il conteggio della ricchezza della specie,può essere anche utilizzato per studiarne la dipendenza in funzione di alcune caratteristiche chimico- fisiche del sistema analizzato.
Per approfondire questo aspetto vengono proposti e utilizzati alcuni modelli della famiglia GAM, basati su una estensione della modellistica GLM. In particolare la relazione che viene postulata è di tipo non parametrico (attraverso spline).
Abbiamo sperimentato alcini modelli additivi generalizzati (GAM) per la ricchezza di specie, per via della loro forte adattabilità a modelli ecologici. Questi modelli sono una estensione semi-parametrica dei modelli di regressione e dei modelli lineari generalizzati (GLM) e differiscono da questi ultimi principalmente per il fatto che al posto del predittore lineare viene utilizzato un predittore additivo.
Nei modelli che abbiamo proposto è stata analizzata l’influenza di alcune variabili ambientali sull’indice di ricchezza specifica.
Sono stati infatti sviluppati diversi modelli, con lo scopo di ottenere un unico modello finale che contenesse le variabili importanti per caratterizzare l’indice di ricchezza specifica.
Attraverso la proposta di GAM abbiamo notato come la tecnica di smoothing utilizzata abbia dimostrato miglioramenti rispetto alla tecnica utilizzata nei classici modelli di regressione. La costruzione di questi modelli è stata realizzata grazie all’utilizzo del software R, utilizzando la funzione gam() della libreria mgcv.
Tramite la procedura di selezione backward si è identificato il miglior modello contenente le variabili rilevanti.
La ricerca del modello col migliore adattamento è stata dunque svolta attraverso una procedura backward.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 Denizione e misura della biodiversit a 1.1 Inquadramento teorico Il termine \biodiversity" e stato coniato nel 1985 da W.G. Rosen durante la pianicazione del National Forum on Biological Diversity organizzato dal Na- tional Research Council (NRC) nel 1986. Esso e un concetto ampio e multidimensionale e per questo risulta dicile da racchiudere in una denizione formale (Pereira & Cooper 2006, Noss 1990). Come denizione uciale enunciamo quella data nel \mit della Terra" del 1992 e scritta nel Programma Ambientale delle Nazioni Unite sottoscritto da 156 nazioni(United Nations Environment Programme 1992). La \Diversit a biologica" indica la variabilit a tra gli organismi viventi presenti in sistemi terrestri,marini ed acquatici e i complessi ecologici di cui questi fanno parte; comprende la diversit a esistente all’interno della specie, tra le specie e degli ecosistemi. Essenzialmente questo concetto e legato alla ricchezza di specie presenti in una determinata area. Il conteggio della ricchezza della specie costituisce il modo pi u semplice di mis- urare la biodiversit a di un territorio e consiste nel contare le specie(naturalmente, con riferimento ad una classicazione condivisa). La ricchezza di specie rappresenta, per o, soltanto un aspetto del concetto gen- erale di biodiversit a, che si suddivide in pi u strati. Esso contiene al suo interno una serie di concetti multipli che nel loro insieme esprimono la misura e il signicato della variet a biologica a diversi livelli di in- tegrazione,dall’individuo alla specie alla popolazione no a giungere all’intero ecosistema (Bianchi, 2002). Introduciamo quindi le categorie in cui viene generalemnte connotata la biodi- versit a: Diversit a genetica (intesa come numero e frequenze genetiche all’interno di una specie); 7

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ecosistemi
organismi
statistica
alghe
modelli lineari generalizzati
shannon
daphne
diversità biologica
magurran
mgcv
adriatico
biodiversità
dinoflagellate
modello statistico
modelli additivi generalizzati
comunità marina
diatomee
simpson
backward
ricchezza specifica
evenness
r
struttura oceanografica
specie algale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi