Skip to content

La commisurazione della pena nell'ordinamento spagnolo

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Missaglia
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1995-96
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Emilio Dolcini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 106

Questo lavoro compie un’analisi approfondita del sistema di commisurazione della pena introdotto nel nuovo codice penale spagnolo.
In particolare, dopo un’attenta analisi dello stato della dottrina formatasi sotto la vigenza del codice abrogato, si passa ad un bere excursus sulla tormentata storia della codificazione in Spagna e ai numerosi codici penali da essa prodotti.
Viene poi analizzato attentamente il catalogo delle pene previste dal nuovissimo codice del 1996 soffermandosi in particolar modo sulle pene di nuova concezione (arresto nel fine settimana, multa per quote diarie, lavori a favore della comunità).
Si passa quindi alla disamina del sistema di determinazione della pena che in Spagna, per lunga tradizione, viene scisso in due distinti istituti: la determinazione legale (le regole, di applicazione necessaria, che permettono di identificare il tipo di pena e l’estensione massima e minima applicabile) e la determinazione giudiziale (lo spazio lasciato alla discrezionalità del giudice). Non vengono trascurate neppure le commisurazioni “minori” delle pene sostitutive, delle misure di sicurezza ed il sistema peculiare previsto per i reati contravvenzionali.
Particolare rilevanza è data all’influenza della legge processuale sul funzionamento in concreto dei meccanismi di commisurazione.
In conclusione si rileva come il nuovo codice penale, a fronte di un limitato ma innegabile aumento della discrezionalità del giudice, non abbia predisposto idonei criteri guida per indirizzarla verso i precisi fini specialpreventivi previsti dalla Costituzione. Nel campo della “commisurazione legale” si assiste ad una profonda diversificazione degli istituti con forti accenti generalpreventivi nei confronti di certe forme di criminalità (narcotraffico e criminalità economico-finanziaria) e tentativi di “fuga dalla pena detentiva” per i reati minori mentre si assiste invece ad una rinunzia della pretesa punitiva nei confronti dei criminali extracomunitari (anche macchiatisi di gravi reati) a fronte della loro espulsione dal territorio nazionale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 I. INTRODUZIONE La commisurazione della pena viene comunemente definita come l'esercizio di un potere discrezionale da parte del giudice al fine di determinare il tipo e la quantità di pena da infliggere in concreto al reo 1 . Nell'ordinamento spagnolo tale operazione veniva condotta sulla base di un complicato e risalente sistema di regole positive 2 che, basandosi sul grado di esecuzione del reato, su quello di partecipazione e sulle circostanze, vincolavano strettamente l'arbitrio del giudice conducendolo passo a passo fin quasi alla pena concreta. Per questo motivo il tema della commisurazione è sempre stato inteso dalla dottrina penalistica spagnola come comprensivo degli effetti di tali istituti sulle scelte del giudice in materia di determinazione della pena. Nell'ambito della dottrina il nostro argomento solo da poco ha attratto l'attenzione degli studiosi: è rimasto a lungo confinato, a causa della sua estrema macchinosità formale, alle opere destinate alla pratica. Forse anche per questo i criteri dettati dal codice 3 per regolare il potere discrezionale del giudice nel ristretto margine che risultava determinato dalle operazioni suddette, svalutati dalla dottrina, sono stati ignorati anche dalla giurisprudenza del Tribunale Supremo che ha sempre negato il ricorso per cassazione per la loro violazione 4 . 1 FIANDACA, Giovanni; MUSCO, Enzo: Diritto penale Parte Generale, Zanichelli, Bologna, 2° ed., 1989, pag. 543. 2 Titolo III Capitolo IV del Libro I del codice abrogato (art. 49-79). 3 Art. 61 reg. 7° del codice abrogato "Dentro de los límites de cada grado, los Tribunales determinarán la extensión de la pena en consideración al número y entidad de las circunstancias agravantes y atenuantes y a la mayor o menor gravedad del mal producido por el delito." (Entro i limiti di ogni grado, i giudici determineranno l'estensione della pena in base al numero e all'entità delle circostanze attenuanti e aggravanti e alla maggiore o minore gravità del male causato dal delitto). 4 Tra le ultime STS 20/3/86

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

diritto penale
commisurazione della pena
diritto spagnolo
determinazione della pena
codice penale spagnolo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi