Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo dell'ambiente fisico nel comportamento del bambino al nido

Questa tesi di laurea nasce dall’idea di indagare in che modo le caratteristiche e la struttura degli ambienti vadano ad incidere sui comportamenti degli individui, in particolar modo prendendo in considerazione l’ambiente degli asili nido. L’ambiente ha un ruolo fondamentale nella vita di ognuno: da sempre la psicologia si è occupata della sua influenza sullo sviluppo della personalità, sul pensiero e sul comportamento.Tra i fattori che gli ambienti educativi per i più piccoli correttamente progettati dovrebbero essere in grado di assicurare vi sono la capacità di favorire la riduzione dello stress e la capacità di favorire il recupero dell’attenzione diretta. Questi due fattori hanno notevoli ripercussioni su importanti variabili psicologiche legate al benessere e allo sviluppo cognitivo dei bambini.
La ricerca pilota descritta nella presente tesi di laurea ha lo scopo di verificare, in un gruppo di bambini frequentanti un asilo nido, come le caratteristiche strutturali e ambientali del nido, nonché la presenza e la conseguente possibilità di usufruire di uno spazio verde a misura di bambino, possa favorire o meno le variabili indagate, tra cui l’espressione positiva e negativa delle emozioni, la relazione tra pari, la relazione con l’educatrice, il livello di attenzione, e cosi via. Inoltre, si è cercato di indagare quali siano le aree maggiormente utilizzate dai bambini, in uno spazio concepito su misura per loro e costituito da ampi spazi comunicanti in cui, nella maggior parte dei casi e nelle intenzioni del progetto alla base del nido, possano essere i bambini stessi a scegliere dove stare, sulla base delle loro preferenze. Lo scopo è quello di capire quali siano le variabili e le caratteristiche ambientali che sono più consone allo sviluppo dei bambini, quanto e in che modo lo stare a contatto con il verde migliori l’interazione e l’umore, oltre a modificare il comportamento dei bambini, e verificare se il progetto alla base della costruzione del nido, nella realtà, vada di pari passo con il lavoro delle educatrici e con la quotidianità che vivono i bambini all’interno della struttura.
Il presente lavoro è diviso in due parti: una prima parte in cui viene presentata una panoramica generale riguardante le teorie e gli studi della psicologia ambientale e il ruolo dell’ambiente e delle istituzioni educative sui bambini, oltre ad una panoramica riguardante gli asili nido e la loro importanza; ed una seconda parte in cui verrà presentata la ricerca: gli obiettivi, il contesto, il campione, la metodologia utilizzata e i risultati raggiunti.

Mostra/Nascondi contenuto.
9 1 La psicologia ambientale L‟ambiente ha un ruolo fondamentale nella vita di ognuno: da sempre la psicologia si è occupata della sua influenza sullo sviluppo della personalità, sul pensiero e sul comportamento. Sia l‟ambiente inteso come contesto sociale, culturale e relazionale in cui siamo inseriti, che l‟ambiente fisico (naturale e costruito) hanno degli effetti sul comportamento che la psicologia non può trascurare. La psicologia ambientale come settore di ricerca nasce tra la fine degli anni ‟50 e l‟inizio degli anni‟60 per affrontare nello specifico queste tematiche e per dare una risposta alle domande poste agli psicologi da diversi ambiti disciplinari: urbanistica, medicina, architettura e geografia. Nel presente capitolo verrà presentata, in breve, la storia della psicologia ambientale: di cosa si occupa nello specifico e come si è sviluppata negli anni. Verrà inoltre affrontato il ruolo dell‟ambiente, cioè il suo impatto sul comportamento e sulla vita degli individui, il rapporto tra ambiente e comportamento, cioè come il comportamento può variare in base all‟ambiente in cui si trova l‟individuo. Nell‟ultimo paragrafo, infine, verranno messi in evidenza gli aspetti affettivi che emergono dalla relazione individuo – ambiente. 1.1 Nascita e sviluppo della psicologia ambientale Alla fine degli anni ‟50 nasce un nuovo settore all‟interno della psicologia, che viene denominato negli USA environmental psychology (psicologia ambientale) e che ha l‟intento di ordinare un complesso di conoscenze scientifiche sugli effetti psicologici determinati dagli ambienti fisici sul comportamento e sul benessere. La psicologia ambientale è, secondo una definizione generalmente accettata, la disciplina che si occupa delle interazioni e delle relazioni tra le persone e il loro ambiente (Proshansky, 1987). Come ambiente non si intende solo l‟ambiente fisico, naturale o costruito, ma anche l‟ambiente sociale, che non è quasi mai separabile dall‟ambiente fisico.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Psicologia

Autore: Valentina Melilli Contatta »

Composta da 110 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4121 click dal 01/06/2011.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.