Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Un Framework Semantico per il Deployment di Ubiquitous Fuzzy Services

Con l’utilizzo della logica fuzzy viene risolto il problema del controllo di sistemi complessi da un punto di vista scientifico, rimane comunque il problema di implementare il controllore reale per i diversi dispositivi hardware presenti nel sistema stesso.
Dal punto di vista tecnologico una soluzione viene da FML, un linguaggio di markup orientato alla logica fuzzy, il quale si pone ad un livello di astrazione superiore rispetto al dispositivo hardware da controllare. Infatti, l’esperto del dominio diventa una figura capace non solo di progettare, ma anche di creare realmente un controllore.
Grazie alla proprietà di interoperabilità di FML l’esperto del dominio, anche senza avere conoscenze informatiche e matematiche approfondite, riesce ed effettuare il controllo per ogni tipo di dispositivo hardware.
Viene quindi introdotto il linguaggio RDF (Resource Description Framework), un linguaggio derivato da XML con l’obiettivo di aggiungere meta informazioni ai documenti web. RDF fornisce uno strumento per l’aggiunta di informazioni semantiche ad un documento senza fare alcuna assunzione sulla sua struttura e che consente inoltre di definire la sua sintassi. Esso cioè, è pensato per catturare ed esprimere la struttura concettuale delle informazioni presentate sul web.
Ciò consente di sfruttare le proprietà di RDF e quindi permette l’estrazione di informazioni semantiche da un controllore utili per la creazione di una rete semantica orientata alla distribuzione di fuzzy controller.
Grazie all’evoluzione tecnologica degli ultimi anni, si assiste ad un tentativo di importare nei sistemi tradizionali domotici alcuni metodi provenienti dall’intelligenza artificiale e dall’ubiquitous computing. Con l’espressione ubiquitous computing si possono intendere più aspetti: la pervasività di sistemi che offrono capacità di elaborazione locale, la presenza di capacità elaborativa in una molteplicità di oggetti attorno a noi, la possibilità di accedere da qualsiasi punto a capacità elaborative in grado di soddisfare qualunque (o quasi) necessità.
Lo scopo della tesi è l’implementazione di un Framework Semantico per il Deployment di Ubiquitous Fuzzy Services basato su tecnologie di distributed internetworking per la remotizzazione di sistemi di controllo basati su logica multivalore di tipo fuzzy.
L’obiettivo principale è decentralizzare il controllo rispetto al dispositivo da controllare, cioè si vuole che il dispositivo da controllare non abbia localizzato su esso stesso il controllo (cioè i metodi per effettuare il controllo del dispositivo), ma questo controllo sia decentralizzato.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 Capitolo 1 Home Automation e Ambient Intelligence 1.1 Introduzione L’Home Automation è una disciplina dell’informatica che nasce dal concetto più ampio di Building Automation e il cui obiettivo consiste nello specificare i requisisti di automazione relativi alla gestione di spazi abitativi e nell’applicare tecniche di automazione al fine di massimizzare concetti di comfort e sicurezza per i residenti dei suddetti spazi. Sebbene le tecniche di automazione utilizzate nell’ambito dell’Home Automation siano del tutto simili a quelle usate nei sistemi di Building Automation, esistono un set di funzionalità addizionale strettamente legato al concetto di ‘casa’ come, ad esempioi sistemi di multi-media home entertainment, i sistemi automatici di irrigazione dei giardini e di creazione di scenari abitativi relativi a differenti contesti come cene, feste, etc.. Comunque, la differenza principale tra i sistemi di automazione per edifici e per appartamenti consiste nella definizione delle interfacce utente. Infatti, uno dei principali requisiti dei sistemi di home automation è dato dal livello di ergonomia offerto dal sistema principale di input/output. Da questo punto di vista ci si attende che i sistemi automatici per la gestione degli spazi abitativi forniscano delle interfacce altamente amichevoli e image-based. Altro compito importante dei sistemi di home automation è dato dalla possibilità di utilizzare sistemi i controllo avanzati per la gestione automatica dei devices casalinghi come l’illuminazione, i sistemi di HVAC, etc. I motivi principali che inducono le persone a introdurre l’automazione nella propria casa o ufficio sono : diminuzione dei costi dell’energia elettrica, sicurezza e confort, cioè il controllo che essa può fornire mentre sono fuori casa o in vacanza. I sistemi di sicurezza, per esempio, hanno un ruolo molto importante per una casa; oggi, possono essere applicati una varietà di sistemi di sicurezza che incontrano i diversi bisogni dell’abitante della casa. Le luci, ad esempio, possono essere spente o accese ad un tempo prefissato o in maniera casuale dando l’impressione che la casa sia occupata; per

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Salvatore Raiola Contatta »

Composta da 174 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 187 click dal 08/06/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.