Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Erosione costiera. Le coste della Regione Campania - Litorale Domitio e Golfo di Napoli

La Campania oltre ai beni culturali e archeologici ha anche un grande patrimonio di risorse naturali ed ambientali autoctone di grandissimo e strategico valore socio-economico quali, ad esempio, le spiagge.
Lo stato attuale della fascia costiera della Regione Campania, limitatamente alle unità fisiografiche che si sono tenute in esame in questo elaborato, evidenzia un disordinato e talvolta sconclusionato se non peggiorativo tentativo di contrastare l’evoluzione dei fenomeni erosivi, caratterizzato da una moltitudine di interventi infrastrutturali (opere di difesa costiera ma anche porti e porticcioli vari), realizzati senza alcun criterio di studio.
Nell'elaborato si sottolinea più volte che, al di la delle opere infrastrutturali, l’unico intervento efficace per contrastare l’inesorabile processo erosivo è rappresentato dal ripascimento artificiale dei litorali con sedimenti di granulometria tale da non essere erosi ed allontanati dalle spiagge.

Mostra/Nascondi contenuto.
Erosione costiera Le coste della Regione Campania Il Litorale Domizio e Il Golfo di Napoli Università degli Studi Corso di Laurea in Coordinamento delle Attività di Protezione Civile di Perugia Pagina 1 Premessa. Una gestione sostenibile dell'ambiente costiero ne deve impedire il degrado, rafforzando le difese dai pericoli che lo minacciano. Nasce da ciò la necessità di attuare una gestione integrata delle coste su ampia scala, sostenibile a livello ambientale ed economico, e responsabile a livello sociale e culturale, che tenga conto del forte incremento della popolazione costiera che si è verificato negli ultimi anni, accompagnata da uno sviluppo troppo spesso caotico e scoordinato delle infrastrutture, che si sono estese sulle coste fino ai litorali, minacciando l'equilibrio ambientale e sociale delle coste. L'agenzia europea dell'ambiente indica che le condizioni delle zone costiere sono soggette ad un costante degrado, aggravato dai cambiamenti climatici in corso, che provocano l'innalzamento del livello del mare, variazioni della forza e della frequenza dei fenomeni meteorologici, con conseguente aumento del fenomeno dell’erosione costiera. Naturalmente, anche l'Italia è direttamente interessata da queste problematiche, che comportano, in numerose regioni, conseguenze economiche legate alla riduzione dell'attività di pesca e ai relativi effetti che tale riduzione ha sull'occupazione.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Pasquale Volicelli Contatta »

Composta da 150 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 976 click dal 07/06/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.