Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Questore Giovanni Palatucci e le leggi razziali

Giovanni Palatucci fece della sua esistenza il manifesto dei principi in cui credeva come cittadino e funzionario di Polizia, e si sacrificò nella missione di salvare migliaia di famiglie ebraiche che fuggivano dallo sterminio nazista. Dell'oerada lui compiuta, parlano le tante testimonianze offerte nel corso degli anni dal popolo di Israele che l'ha voluto consacrare nella storia, dedicandogli un viale e un bosco che ne ricorda il sacrificio e l'ha proclamato "Giusto tra le Nazioni".

Mostra/Nascondi contenuto.
4 CAPITOLO I LE LEGGI RAZZIALI IN ITALIA 1.1 INTRODUZIONE Il 5 settembre 1938 fu emanato il decreto intitolato <<Provvedimenti per la difesa della razza nella scuola fascista>> 1 , ove gli studenti ebrei furono banditi dalle scuole pubbliche elementari e secondarie, proprio mentre si apprestavano tornare tra i banchi scolastici 2 . 1 Vittorio Emanuele III per Grazia di Dio e per la Volontà della Nazione, Re d'Italia Imperatore d'Etiopia, Visto l'art. 3, n.2, della legge 31 gennaio 1926-IV, n.100; Ritenuta la necessità assoluta ed urgente di dettare disposizioni per la difesa della razza nella scuola italiana;Udito il Consiglio dei Ministri; Sulla proposta del Nostro Ministro Segretario di Stato per l'educazione nazionale, di concerto con quello per le finanze; Abbiamo decretato e decretiamo; Art. 1. All'ufficio di insegnante nelle scuole statali o parastatali di qualsiasi ordine e grado e nelle scuole non governative, ai cui studi sia riconosciuto effetto legale, non potranno essere ammesse persone di razza ebraica, anche se siano state comprese in graduatorie di concorso anteriormente al presente decreto; nè potranno essere ammesse all'assistentato universitario, nè al conseguimento dell'abilitazione alla libera docenza. Art. 2. Alle scuole di qualsiasi ordine e grado, ai cui studi sia riconosciuto effetto legale, non potranno essere iscritti alunni di razza ebraica [...]. Dato a San Rossore, addì 5 settembre 1938 - Anno XVI Vittorio Emanuele Mussolini, Bottai, Di Revel, Visto il Guardasigilli: Solmi. E. Collotti, Il fascismo e gli ebrei. Le leggi razziali in Italia, Bari 2006, p. 190. 2 Ivi, p.191.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Tobia Coppola Contatta »

Composta da 93 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 262 click dal 13/09/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.